Anno VIII numero
Agenda2017
Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2017

Parisi (Fnsi) al convegno Fiaba per una Carta deontologica sulla ridotta mobilità

“Disabilità non è sinonimo di diversità”

    Carlo Parisi

ROMA – “I giornalisti giocano un ruolo importante nel trattare il tema della disabilità o, meglio, della ridotta mobilità perché il vero problema è culturale”. Lo ha ribadito il segretario generale aggiunto della Fnsi, Carlo Parisi, intervenendo stamane all’Università Lumsa di Roma, in occasione del convegno su “La Carta deontologica delle Prm in rapporto al testo unico dei doveri del giornalista per una nuova deontologia sulle disabilità”, promosso dal Fondo Italiano per l’Abbattimento delle Barriere Architettoniche (Fiaba), in collaborazione con l’ateneo e l’Ordine dei giornalisti del Lazio e con il patrocinio della Federazione Nazionale della Stampa.
Richiamando “l’alto senso di responsabilità da cui i giornalisti non possono prescindere quando raccontano fatti e storie in cui il protagonista è una persona con ridotta mobilità, per utilizzare il termine più accreditato in ambito internazionale”, il segretario generale aggiunto della Fnsi ha evidenziato l’opportunità di privilegiare “la straordinarietà, quella sì davvero diversa, di persone Leggi tutto…

Col magistrato Capozza ed i giornalisti Mario Nanni, Francesca Parisella e Carlo Parisi

Franco Calabrò presenta Il Mestieraccio

Francesco Calabrò

ROMA – “Il Mestieraccio”, l’ultimo libro del giornalista Franco Calabrò, edito da Media&Books (pagine 224, euro 16, anche in e-book su Google Play e Amazon Kindle), sarà presentato a Roma domani, martedì 20 giugno, al Palazzo dell’Informazione di Adnkronos, in piazza Mastai 9.
All’incontro partecipano il giudice Vincenzo Gaetano Capozza, presidente della Sesta Sezione Penale del Tribunale di Roma, ed i giornalisti Mario Nanni, cronista parlamentare, Francesca Parisella di Matrix e Carlo Parisi, direttore di Giornalisti Italia e segretario generale aggiunto della Federazione Nazionale della Stampa Italiana. Il dibattito con l’autore sarà moderato dal giornalista ed editore Santo Strati.
Tra i tanti libri di giornalisti, tra ricordi e aneddotica, il volume di Franco Calabrò si distingue perché non solo racconta, seguendo il filo dei ricordi, 50 anni di carriera, ma indica anche ai giovani che aspirano alla professione quanto sia accidentato – oggi più che mai – il mestiere più bello del mondo.
È un “mestieraccio” dice l’autore, ma aggiunge subito che non lo cambierebbe per tutto l’oro del mondo, e spiega perché. Leggi tutto…

Carlo Parisi (Fnsi): “Ennesimo, vile, tentativo di imbavagliare la vera informazione”

Intimidazione alla giornalista Alessia Truzzolillo

Alessia Truzzolillo

LAMEZIA TERME (Catanzaro) – Una brutta domenica per la giornalista del Corriere della Calabria Alessia Truzzolillo. La collega lametina si è, infatti, vista recapitare, a casa dei genitori, una lettera stropicciata contenente l’ogiva di un proiettile. Sulla busta la scritta “Per Alessia”, ma all’interno nessun messaggio.
La lettera è stata lasciata, nella notte fra sabato e domenica, all’interno del giardino della casa dei genitori. La giornalista ha sporto denuncia ai carabinieri, che stanno indagando sull’inquietante avvertimento.
Informata dell’accaduto, rivela il quotidiano online diretto da Paolo Pollichieni, anche la Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro e il procuratore Nicola Gratteri, che ha telefonato personalmente alla Truzzolillo per incitarla a continuare con la solita determinazione il proprio lavoro.
Alessia Truzzolillo in passato ha collaborato con Calabria Ora (anche quando è diventata L’Ora della Calabria), poi con il quotidiano La Provincia di Cosenza e, attualmente, scrive per il Corriere della Calabria, dove si occupa di fatti di cronaca nera e giudiziaria riguardanti il territorio lametino, ma non solo.
Suoi gli articoli sulle inchieste “Sacal” o “Robin Hood” oppure “Dionisio”, giusto per citare alcune operazioni che forze dell’ordine e magistratura Leggi tutto…

Il vicepresidente della Fondazione antimafia Scopelliti dovrà risarcire il giornalista

Pecora condannato per aver diffamato Pantano

Agostino Pantano

REGGIO CALABRIA – Diritto di cronaca salvo, nella lunga vicenda che vedeva contrapposti in tribunale il giornalista Agostino Pantano e Giovanni Pecora, vicepresidente della fondazione antimafia Antonino Scopelliti. La Corte d’Appello di Reggio Calabria, ribaltando la sentenza di primo grado del Tribunale di Palmi, ha condannato Pecora riconoscendo il suo reato di diffamazione ai danni del cronista costituito parte civile.
La vicenda della residenza della famiglia Pecora nel palazzo del boss di Polistena era scoppiata nel 2012, a seguito di un articolo di Pantano che all’epoca lavorava per il Corriere della Calabria.
Da quell’inchiesta ne scaturì una veemente reazione contro il giornalista, specie su internet ma anche sui giornali e sulle tv nazionali, tanto che Pantano fu costretto a denunciare i fatti alla magistratura.
In primo grado l’imputato era stato assolto dal giudice, che considerò il linguaggio di Pecora frutto del suo diritto di critica. In pratica, il giudice aveva riconosciuto l’appropriatezza dei servizi di cronaca del giornalista, ma non aveva censurato la palese incontinenza di linguaggio e l’orchestrazione dei ripetuti attacchi da parte dell’imputato, che aveva agito in combutta con altri nel suo intento di diffamare il cronista.
Contro la sentenza avevano proposto appello sia la parte civile, difesa dall’avvocato Maria Corio, sia la Procura di Palmi guidata dal procuratore Ottavio Sferlazza. Pecora è stato condannato ad una multa di 600 euro, pena sospesa, e a rifondere le spese legali Leggi tutto…

Ha votato il 57,32% dei giornalisti. Carlo Parisi (Fnsi) ringrazia i quattro colleghi al servizio della categoria nel settore della salute

Elezioni Casagit: la nuova Consulta della Calabria

La nuova Consulta della Casagit Calabria: Luisa Lombardo, Pier Paolo Cambareri, Antonietta Catanese e Rosario Stanizzi (delegato Sgc)

REGGIO CALABRIA – Luisa Lombardo e Pier Paolo Cambareri sono stati confermati delegati della Calabria all’Assemblea Nazionale della Casagit, la Cassa Autonoma di Assistenza Integrativa dei Giornalisti Italiani. Hanno riportato, rispettivamente Leggi tutto…

Fiori d’arancio per il giornalista sportivo reggino che ha festeggiato al Casale Tramontana

Magda Cuzzocrea e Nino Neri sposi

REGGIO CALABRIA – Fiori d’arancio per Magda Cuzzocrea e il giornalista Nino Neri, che hanno coronato il loro sogno d’amore, unendosi in matrimonio a Gallico Marina nella chiesa di Santa Maria di Porto Salvo. Gli sposi, insieme a parenti, amici e colleghi, hanno Leggi tutto…

In Calabria si possono esprimere 2 preferenze per eleggere 2 delegati all’Assemblea Nazionale e 3 membri della Consulta

Elezioni Casagit: si vota fino a sabato 10 giugno

I quattro candidati della Calabria alle Elezioni della Casagit: Pier Paolo Cambareri, Antonietta Catanese, Luisa Lombardo e Rosario Stanizzi

REGGIO CALABRIA – Sono 240 i giornalisti aventi diritto al voto per l’elezione dei 2 delegati della Calabria all’Assemblea Nazionale della Casagit, la Cassa Autonoma di Assistenza Integrativa dei Giornalisti Italiani, e dei 3 componenti della Consulta regionale. I primi Leggi tutto…

Profondo cordoglio del Sindacato Giornalisti della Calabria per la scomparsa, a Scalea, della signora Dora Grazioso

Morta la mamma del giornalista Ugo Manco

Ugo Manco con la sua mamma Dora Grazioso

SCALEA (Cosenza) – Un grave lutto ha colpito il giornalista Ugo Manco, consigliere del Sindacato Giornalisti della Calabria. All’età di 86 anni è morta la madre Dora Grazioso.
Profondo cordoglio, a nome di tutti i giornalisti calabresi, viene espresso dal segretario del Sindacato Giornalisti della Calabria, Carlo Parisi, segretario generale aggiunto della Fnsi, che si stringe attorno ad Ugo, Ezio Lauro ed alla famiglia tutta.
“Il mio pensiero – dichiara Ugo Manco – è rivolto a mia Mamma, segnata fortemente dagli eventi della vita. Mamma è sempre stata una donna generosa, altruista, forte fisicamente e di grande personalità, instancabile lavoratrice, cuoca eccezionale, il suo mondo era racchiuso tutt’intorno alla famiglia, alla casa e al piccolo negozio di generi alimentari, praticamente senza interessi esterni. Lei mi ha insegnato a pensare, mi ha trasmesso il valore del lavoro, della dignità della vita e della dignità dei valori. In queste ultime ore ho Leggi tutto…

Lutto in casa del capo ufficio stampa del Consiglio regionale della Calabria

Morta la mamma del giornalista Romano Pitaro

CATANZARO – Lutto in casa del giornalista Romano Pitaro, capo Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Calabria. All’ospedale di Catanzaro è morta la madre, Marianna Dell’Apa.
Profondo cordoglio, a nome di tutti i giornalisti calabresi, viene espresso dal segretario del Sindacato Giornalisti della Calabria, Carlo Parisi.
Un fraterno abbraccio a Romano anche  da tutti i giornalisti e gli addetti dell’ufficio stampa del Consiglio regionale della Calabria. (giornalisticalabria.it)

 

Bilancio positivo per il Comitato regionale guidato da Rotta, Cileone e Santacroce

Corecom Calabria, realtà a tutela del cittadino

Il presidente del Corecom Calabria, Pino Rotta, nel corso della conferenza stampa a Palazzo Campanella

REGGIO CALABRIA – Bilancio più che positivo per il Corecom Calabria nel primo anno di attività della gestione affidata al presidente Pino Rotta al vicepresidente Massimiliano Cileone ed al segretario Frank Mario Santacroce. Nel corso di una conferenza stampa, nella Sala Monteleone del Consiglio Regionale della Calabria, sono stati illustrati gli aspetti istituzionali e tecnico amministrativi delle attività svolte ed il sistema delle comunicazioni in Calabria. Dopo la lettura dei messaggi di saluto del ministro dell’Interno Leggi tutto…

Ufficio Stampa di Reggio Calabria: accolto il ricorso del giornalista Massimo Calabrò

Abuso di contratti a termine: Comune condannato

Massimo Calabrò

REGGIO CALABRIA – Il giudice del lavoro del Tribunale di Reggio Calabria ha accolto il ricorso del giornalista Massimo Calabrò condannando il Comune di Reggio Calabria per abuso di contratti a termine.
Calabrò, difeso dall’avvocato Rosella Macrì, dal 2002 al 2010 ha lavorato all’Ufficio Stampa del Comune di Reggio Calabria, con contratti di collaborazione autonoma, ma di fatto svolgendo sempre attività di lavoro dipendente.
Nella sentenza del Tribunale di Reggio Calabria, il giudice Arturo D’Ingianna afferma, infatti, “che il periodo di tempo con cui il Comune ha tenuto a servizio la parte ricorrente sul medesimo posto e con più contratti a termine, rende chiaro come non sussista quella condizione oggettiva e temporanea che anche alla luce della giurisprudenza della Corte di Giustizia Europea può giustificare l’apposizione dei termini e la reiterazione protratta”. Ricordando che “il limite previsto dall’ordinamento italiano per la reiterazione di rapporti di lavoro è di tre anni”, il giudice del lavoro sottolinea che “nel caso in esame sul medesimo posto e per le stesse mansioni vi è stata una successione di contratti di lavoro per un periodo di oltre tre anni e senza sussistere ragioni temporanee e imprevedibili ma su posti stabilmente vacanti. Si ravvisa, quindi, un’abusiva utilizzazione di contratto a termine per coprire un posto permanentemente scoperto e come tale merita una sanzione risarcitoria dissuasiva”.
Pertanto, il Tribunale di Reggio Calabria ha condannato il Comune al risarcimento Leggi tutto…

GiornalistitaliaTV sulla Giornata mondiale della libertà di stampa a Reggio Calabria: 24

Profazio: “Mimma Iorio assunta da mio cugino”

REGGIO CALABRIA – È dedicato allo “scoop” di colore del cantastorie giornalista Otello Profazio l’ultimo video, il 24°, di Giornalistitalia.it sulla XXIV Giornata mondiale della libertà di stampa organizzata dalla Fnsi il 3 maggio scorso a Reggio Calabria con il Sindacato Giornalisti della Calabria, l’Inpgi, l’Ordine dei giornalisti della Calabria e il nostro quotidiano Giornalisti Italia. Nell’Auditorium “Nicola Calipari” Leggi tutto…

GiornalistitaliaTV sulla Giornata mondiale della libertà di stampa a Reggio Calabria: 23

Catelli (Fnsi): “In Calabria il sindacato è certezza”

REGGIO CALABRIA – “Ho sentito ripetere una frase importante: non c’è libertà di stampa senza tutele. Tutele che nascono dalla legge e principalmente dal contratto nazionale di lavoro giornalistico”. L’avvocato Giuseppe Catelli del Servizio Sindacale della Fnsi, è il protagonista del ventitreesimo video di Giornalistitalia.it sulla XXIV Giornata mondiale della libertà di stampa Leggi tutto…

GiornalistitaliaTV sulla Giornata mondiale della libertà di stampa a Reggio Calabria: 22

Mimma Iorio: “Ispezioni Inpgi tutela dei giornalisti”

REGGIO CALABRIA – «Credo che ognuno di noi, almeno una volta nella vita, abbia sognato di fare il giornalista per difendere chi è meno tutelato. Ed è ai giornalisti che, da direttore dell’Inpgi, mi trovo costantemente a spiegare le tutele e gli strumenti che hanno a disposizione». È Mimma Iorio, direttore generale dell’Inpgi, l’Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani, Leggi tutto…

GiornalistitaliaTV sulla Giornata mondiale della libertà di stampa a Reggio Calabria: 21

Gulletta: “Il doveroso contributo dei pensionati”

REGGIO CALABRIA – “Crediamo nella solidarietà tra generazioni. Pertanto, così come i giovani assunti con contratto di lavoro giornalistico Fnsi-Fieg dal 2009 danno un contributo di 5 euro al mese per la perequazione, ovvero per elevare le pensioni più basse, anche noi pensionati è giusto che contribuiamo, attraverso il prelievo di solidarietà, a fare qualcosa Leggi tutto…