Anno XII numero

Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Pubblicata la graduatoria provvisoria del Corecom Calabria per le Tv locali. Ai primi posti Radio Tele International e Reggio TV

Contributi pubblici: contrattualizzare i giornalisti conviene

Da sinistra: Alessandro Manganaro, Carlo Parisi e Gregorio Corigliano

REGGIO CALABRIA – Il Corecom Carabria ha rettificato la graduatoria provvisoria – pubblicata il 10 luglio – dei contributi alle emittenti televisive locali relativa ai benefici previsti dalla legge 448/98 e dal decreto ministeriale 5 novembre 2004, n. 292, per l’anno 2012.
Il relativo bando, contenente il decreto ministeriale 15 ottobre 2012, era stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 14 del 17 gennaio 2013 e fissava la scadenza della presentazione delle domande al 16 febbraio scorso. La graduatoria viene stilata dal Corecom tenendo conto del numero dei dipendenti (con particolare riferimento al personale giornalistico) e – in piccola parte – del fatturato.
In base alle 27 denunce presentate dalle aziende, nella graduatoria provvisoria per il 2012, al primo posto figura “Radio Tele International” di Crotone con 960,68 punti (26 dipendenti di cui 10 giornalisti), davanti a “Reggio TV” con 787,75 punti (32 dipendenti di cui 9 giornalisti). Alle loro spalle: “Teleuropa” 777,50 (16 dipendenti di cui 7 giornalisti), “Video Calabria” 714,48 (20 dipendenti di cui 7 giornalisti), “Telestars” 537,41 (16 dipendenti di cui 3 giornalisti), “Telereggio” 490,72 (15 dipendenti di cui 3 giornalisti), “Rete 3” (10 dipendenti di cui 3 giornalisti) 208,39 e “Calabria TV” 178,20 (10 dipendenti di cui 1 giornalista).
Il 7 maggio 2012 il Corecom Calabria e il Sindacato Giornalisti della Calabria hanno firmato un protocollo d’intesa che “punta a rendere ancora più rigorosi i controlli e le verifiche di alcuni elementi di valutazione per l’assegnazione dei contributi alle emittenti televisive locali previsti dal Bando di concorso pubblicato ogni anno dal Ministero dello Sviluppo Economico”.
Al centro dell’accordo, “la verifica – da parte del sindacato dei giornalisti e dell’Inpgi – della posizione contrattuale e contributiva del personale con qualifica di giornalista (professionista, pubblicista o praticante), assunto con contratto di lavoro subordinato e dichiarato dall’emittente in sede di presentazione dell’istanza di partecipazione al concorso per i contributi”.
L’importanza del protocollo è stata sottolineata dallo stesso presidente del Corecom Calabria, Alessandro Manganaro (coadiuvato dai componenti Carmelo Carabetta e Gregorio Corigliano), il quale ha ribadito l’importanza di “uno strumento in grado di esaltare i principi di trasparenza e di imparzialità con sicuri effetti deflattivi sugli eventuali ricorsi avverso la graduatoria che attribuisce i benefici economici stabiliti dal Decreto Ministeriale n. 292 del 5 novembre 2004”.
Il segretario del Sindacato Giornalisti della Calabria, 
Carlo Parisi, vicesegretario nazionale Fnsi, oltre a rammentare che “il protocollo rappresenta un atto di trasparenza e di giustizia nei confronti dei giornalisti, delle aziende editoriali e dei cittadini”, sottolinea che lo stesso intende “premiare gli editori che rispettano la professione giornalistica garantendo l’applicazione del contratto di lavoro ed il pagamento degli stipendi e dei contributi”.
“Il sindacato dei giornalisti – conclude Parisi – invita, quindi, gli editori a sfruttare l’opportunità offerta dai contributi alle emittenti televisive locali, contrattualizzando nuovi giornalisti o regolarizzando le posizioni anomale presenti. Garantire dignità professionale a chi svolge quotidianamente la professione giornalistica, infatti, conviene a tutti: ai giornalisti, che vedranno premiati i loro sacrifici e la loro professionalità e potranno, così, lavorare in tranquillità, garantendo una qualità dell’informazione non condizionata dallo stato di bisogno; e agli editori che, oltre a non rischiare di subire pesanti sanzioni e denunce, anche penali, per sfruttamento del lavoro nero e omissione contributiva, potranno ottenere contributi pubblici più sostanziosi grazie ai maggiori punteggi previsti per i dipendenti giornalisti”.
Graduatoria contributi 2012 rettificata
Graduatoria contributi 2012

I commenti sono chiusi.