Anno X numero
Agenda2018
Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Presentata nel salone di Confindustria la IV edizione del Mediterranean Experiences Festival patrocinato dalla Fnsi

Reggio Calabria, al via la settimana della cultura

Francesco Votano, Edoardo Lamberti Castronuovo, Andrea Cuzzocrea, Carlo Parisi e Vincenzo Carrozza

Antonia Chirico

REGGIO CALABRIA – Il Salone degli Industriali di Reggio Calabria ha ospitato la conferenza stampa di presentazione dell’evento organizzato dall’associazione culturale “Teatro del Mediterraneo”. Sei giorni di eventi culturali, workshop, tavole rotonde. E sabato 14 dicembre l’XI premio di giornalismo “Gino Votano”.
All’insegna della locuzione latina “Hic sunt leones”, a sottolineare la condizione calabrese di terra “culturalmente inesplorata”, è stata ufficialmente inaugurata la settimana culturale del Mediterranean Experiences Festival.
La rassegna, organizzata dall’associazione culturale “Teatro del Mediterraneo”, registrerà da qui al prossimo 14 dicembre diversi momenti di carattere culturale e approfondimenti tematici sullo sviluppo del Mezzogiorno.
Mostre fotografiche e cinematografiche, workshop e tavole rotonde metteranno al centro delle loro analisi la funzione strategica, in ottica di sviluppo e crescita, della cultura in Calabria e al Sud.
«Siamo soddisfatti – ha dichiarato durante la conferenza stampa il giornalista Rai Francesco Votano, figlio del compianto scrittore Gino e organizzatore del premio – della grande sinergia istituzionale che ha consentito di promuovere il Festival. Mi preme in particolare sottolineare il patrocinio della Fnsi, rappresentata dal vicesegretario Carlo Parisi, e di Medici con l’Africa Cuamm, nonché della collaborazione fattiva di diversi enti fra i quali Confindustria Reggio Calabria. Abbiamo organizzato il festival anche quest’anno nella convinzione che solo attraverso la cultura e la valorizzazione della nostra identità il Sud può crescere».
«Viviamo – ha affermato da parte sua il vicesegretario Fnsi,  Carlo Parisi – in una terra difficile, in cui fare il giornalista è un compito arduo. Farlo in maniera libera lo è ancora di più. Le imprese editoriali dovrebbero rispondere alle stesse logiche di tutte le altre aziende. Ecco perché ci sembra davvero strano che ci siano editori che sono sistematicamente sempre in perdita. Anche nel campo del panorama informativo è fondamentale garantire ai lettori, ai radioascoltatori, ai telespettatori un prodotto di alto livello. Tutto questo passa necessariamente dalla qualità del lavoro dei giornalisti, che devono essere liberi e tutelati sia sotto il profilo della sicurezza personale che dal punto di vista contrattuale».
L’assessore alla Cultura della Provincia di Reggio Calabria, Eduardo Lamberti Castronuovo, rivolgendo un plauso agli organizzatori ha affermato: «Dobbiamo attuare una profonda rivoluzione anche nel modo di fare giornalismo in questa regione. È vero, esistono notizie negative che nessuno può pensare di censurare. Ma accanto a queste anche la Calabria e la provincia di Reggio riescono a esprimere delle vere e proprie eccellenze, soprattutto in campo culturale, che meritano di essere valorizzate e sostenute. Viviamo un momento di grande difficoltà in cui, a volte, il principio di legalità è condizione necessaria ma non sufficiente per garantire lo sviluppo della nostra società».
Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente di Confindustria Reggio Calabria, Andrea Cuzzocrea: «È la prima volta che la nostra associazione sostiene un’iniziativa di questo tipo. Ma è la strada che, secondo noi, va seguita per combattere davvero la criminalità organizzata. Non basta la pur necessaria azione repressiva delle forze dell’ordine. Occorre un’approfondita azione sul piano culturale soprattutto nei confronti delle nuove generazioni, perché è la cultura la vera arma di cui disponiamo per battere sia la ‘ndrangheta, sia i pregiudizi nei confronti della nostra terra. Iniziative come il Medef aiutano questo processo e favoriscono così indirettamente l’economia».
Lo scrittore Vincenzo Carrozza, nel chiudere i lavori della conferenza stampa che ha dato ufficialmente il via alla rassegna, ha illustrato il programma ai giornalisti presenti ricordando alcuni degli appuntamenti previsti: per la sezione “Visioni”, il 10 dicembre (ore 10) presso il Salone di Confindustria, il ricordo dell’intellettuale Nicola Zitara da parte di Francesco Votano; il giorno seguente (stessi orari e location) la tavola rotonda incentrata sulla letteratura calabrese e sul compianto meridionalista Pasquino Crupi, mentre sabato 14 dicembre a partire dalle ore 21, presso il Teatro Francesco Cilea, si svolgeranno il concerto dedicato ai “Meridionalisti di Calabria” a favore di Medici con l’Africa Cuamm e la premiazione del concorso giornalistico presentato dalla cronista Rai, Anna La Rosa.
La conferenza stampa, cui era presente anche il consigliere provinciale Pierpaolo Zavettieri, è stata preceduta da una visita dell’arcivescovo di Reggio Calabria-Bova, Giuseppe Fiorini Morosini, che si è congratulato con quanti hanno lavorato alla realizzazione del Medef sottolineando come iniziative di questo tipo non solo sostengano fortemente la cultura e l’economia del territorio, ma siano senz’altro positive tutta la vita della comunità cristiana della diocesi reggina. (Labecom)

I commenti sono chiusi.