Anno X numero
Agenda2018
Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Incontro sull’organizzazione del lavoro per i redattori delle due testate che tenga conto delle ridotte disponibilità

Redazione unica tra Telearena e Radioverona

VERONA – Una redazione unica tra Telearena e Radioverona con passaggio di qualifica dei radiogiornalisti, è la soluzione scaturita dall’incontro tra Riccardo Verzè (per il CdR di TeleArena), il direttore del personale dell’Athesis, Roberto Covallero, e il segretario del Sindacato giornalisti del Veneto, Daniele Carlon (in rappresentanza dei giornalisti di RadioVerona).

Il tema centrale era la prosecuzione della convergenza (ora esplicitamente definita fusione) tra RadioVerona e TeleArena, che formalmente, però, resteranno testate distinte.


A fronte della recente diminuzione dell’organico di TeleArena e della sospensione delle collaborazioni è stata posta in evidenza la necessità di un incontro con il direttore unico sull’organizzazione del lavoro per i redattori delle due testate che tenga conto delle ridotte disponibilità redazionali.
Sarà necessario anche un confronto sulla riduzione dei palinsesti di radio e tv e la definizione del percorso formativo per riprese e montaggi necessario per i colleghi di RadioVerona.
Questi ultimi, al termine della formazione (o già a livelli intermedi), avranno il riconoscimento previsto dal contratto Aeranti Corallo come teleradiogiornalisti +24.

Nel corso dell’incontro, Covallero ha sottolineato l’esigenza dell’omogeneizzazione della formazione professionale per tutti i colleghi, ribadendo la necessità di superare gli ostacoli attualmente in vigore contrattualmente per quei redattori esentati dal montaggio e dalle riprese.
Come ulteriore prosecuzione del confronto con la Redazione da parte della proprietà, è stata definita la disponibilità ad un ulteriore incontro in data da definirsi tra il rappresentante della proprietà e i redattori.
Verranno, infine, valutate le ripercussioni per l’organico del lungo processo formativo, con una situazione che il Cdr
ha ribadito essere di sofferenza già gravissima per la Redazione in termini di pianta organica.

I commenti sono chiusi.