Anno XII numero

Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Per violenza privata ai danni del giornalista Alessandro Bozzo suicidatosi nel 2013

Piero Citrigno, condanna confermata in appello

Piero Citrigno e Alessandro Bozzo

COSENZA – L’imprenditore Pietro Citrigno, ex editore del quotidiano “Calabria Ora”, poi “L’Ora della Calabria”, è stato condannato dalla Corte d’Appello di Catanzaro alla pena di 4 mesi e 15 giorni di reclusione per violenza privata, che avrebbe esercitato con la modifica delle sue condizioni di lavoro, ai danni del giornalista Alessandro Bozzo, il redattore che si tolse la vita il 15 marzo del 2013 nella sua casa di Marano Principato, in provincia di Cosenza.
La Corte d’Appello di Catanzaro ha di fatto confermato la sentenza di primo grado, che all’imprenditore aveva inflitto 4 mesi di reclusione a fronte della richiesta di condanna a 4 anni avanzata dalla procura di Cosenza. Sentenza contro la quale i pm presentarono appello in quanto, pur soddisfatti della condanna, la ritennero “assolutamente inadeguata” rispetto “alla gravità dei fatti contestati”. In appello, dunque, i magistrati chiesero una condanna a due anni e mezzo, ma i giudici hanno ritenuto di dover confermare la sentenza di primo grado. (adnkronos)

I commenti sono chiusi.