Anno XII numero

Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Anche il quotidiano cattolico francese “La Croix” lancia l’allarme per il sito d’informazione paneuropea fondato nel 2009

Chiude “Presseurop.ue”, finestra sulla vita degli europei

PARIGI (Francia) – “Una finestra sulla vita degli europei si chiude”: anche il quotidiano cattolico francese “La Croix” lancia l’allarme. Al centro dell’attenzione c’è il sito d’informazione paneuropea Presseurop.eu, fondato nel 2009 a Parigi e costituito da quattro riviste specializzate nella cronaca continentale (“Courrier international”, Francia; “Courrier internacional”, Portogallo; “Forum”, Polonia; “Internazionale”, Italia), il quale non ha ottenuto il consueto e necessario finanziamento annuale dalla Commissione europea.
Presseurop.eu ha pubblicato per cinque anni, quelli della crisi più cupa, una selezione di articoli scelti fra 200 giornali, tradotti in dieci lingue: inglese, francese, italiano, spagnolo, romeno, portoghese, neerlandese, polacco e ceco.
Una redazione plurilingue ha consentito anche di avviare uno scambio di idee fra i lettori, ciascuno nella propria lingua, che ha arricchito una comunicazione indipendente di respiro comunitario.
Ma, appunto, la Commissione europea a fine 2013 ha deciso di non intervenire più con un sostegno finanziario, come del resto fa con un’altra serie innumerevole di testate e siti; nel quadro di questo impegno per un’informazione al servizio dei cittadini e vicina alle istituzioni europee, l’Ue sostiene ad esempio progetti e notiziari della Rai e dell’agenzia Ansa.
Quindi Presseurop ha abbassato la serranda il 20 dicembre. La redazione del sito ha ora promosso un appello – sottoscrivibile online da ogni cittadino -, indirizzato alla vice presidente della Commissione Ue, Viviane Reding, titolare della delega alla cittadinanza, per indurre l’Esecutivo a un ripensamento. Nel frattempo sono allo studio altre modalità di autofinanziamento o di finanziamento popolare.
L’imprevista decisione di Bruxelles – ripresa e commentata da numerose testate e sui social media – ha sollevato anche una vibrante presa di posizione del presidente dell’Europarlamento, il tedesco Martin Schulz: “L’idea europea è una grande idea, eppure l’Europa attraversa un periodo di forti sofferenze – ha affermato -. Gli europei sono avidi di notizie, eppure i mezzi di comunicazione chiudono i battenti. I cittadini del vecchio continente non dispongono di sufficienti informazioni sull’Europa, ma i siti che devono soddisfare questa necessità e alimentare il dibattito sulle questioni europee stanno scomparendo”.
Presseurop, ha aggiunto Schulz, “non è un portavoce servile delle istituzioni ma offre un’analisi critica e un’informazione accessibile e obiettiva”. E ancora: “Quando una testata sparisce non è mai un bene, ma la fine di Presseurop arriva in un momento particolarmente delicato. A sei mesi da un voto che i partiti ostili ai valori europei vorrebbero strumentalizzare, la scomparsa di un mezzo di comunicazione paneuropeo è una pessima notizia: per noi cittadini alla ricerca di informazioni sul progetto europeo, per i giovani che si informano soprattutto su internet privilegiando i social network (sui quali Presseurop è riconosciuto come un punto di riferimento) e per tutti i difensori della stampa. È una cattiva notizia anche per la nostra democrazia – aggiunge -, in una fase in cui le istituzioni europee finanziano una grande campagna d’informazione e sensibilizzazione in vista delle elezioni europee ma sono incapaci di tendere la mano a un sito che si occupa di loro in modo indipendente”.
Si può dunque convenire con Schulz sul fatto che la Commissione europea “dovrebbe proteggere la stampa indipendente, pluralista e multilingue”, che si occupa di integrazione europea.
“Noi del Sir – commenta il Servizio Informazione Religiosa –  con lo specifico servizio Sir Europa, pubblicato sia in italiano che in inglese, oltre ai «lanci» quotidiani in due lingue – ne sappiamo qualcosa e rilanciamo l’appello: più informazione di qualità fa bene all’Europa e, dunque, ai cittadini europei”. (Sir)

I commenti sono chiusi.