Anno XI numero

Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Il presidente di Inpgi e Adepp al vertice di Bruxelles: “Un ulteriore passo in avanti, bandi semplici diffusi anche in italiano”

Camporese: “Dall’Europa concretezza per i professionisti”

Andrea Camporese

BRUXELLES (Belgio) – Si è riunito ieri a Bruxelles il Bolstering the business of liberal profession working group, durante il quale l’Adepp ha posto il problema della reale inclusione dei liberi professionisti nei programmi e nei bandi europei.
“Il dottor Marko Kuravic, direzione generale impresa,  che coordina il working group ha assicurato che verrà effettuata una comunicazione per chiarire che in tutte le misure a favore delle Piccole e medie imprese verranno inclusi i liberi professionisti – dichiara il presidente dell’Adepp, Andrea Camporese, a conclusione dei lavori – Pensiamo quindi ai bandi del FSE, sul credito, per l’autoimpiego che, purtroppo, non sempre sono aperti ad una categoria che, nel nostro Paese,  è fortemente presente nel sistema Italia”.
“Una  conferma di quanto già contenuto nelle linee guida dell’Action Plan for Entrepreneurship approvato dalla Commissione europea nel gennaio scorso, che ha aperto la strada all’equiparazione dei liberi professionisti alle Pmi, – sottolinea il presidente Camporese – che si traduce in un ulteriore passo in avanti: il riconoscimento dell’importante ruolo che i giovani professionisti svolgono per l’economia europea, la loro indiscussa capacità di affrontare la crisi e  quindi la necessità di usufruire anche di misure a sostegno della professione”.
“E’ importante, infatti,  che in sede europea si prosegua con concretezza verso l’applicazione di una serie di misure a favore dei liberi professionisti – conclude Camporese – Dai bandi di accesso, semplici e diffusi anche in lingua italiana, ai finanziamenti per la formazione permanente, alle start up, all’innovazione saranno una opportunità e una sfida che dobbiamo assolutamente cogliere nella dimensione di uno spazio unico comunitario che a Bruxelles viene considerato un dato di fatto”.

I commenti sono chiusi.