Anno XI numero

Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Il Cdr del Quotidiano della Calabria contesta il direttore di Calabria Ora sulla lotta alla ’ndrangheta

I giornalisti devono stare tutti dalla stessa parte

Piero Sansonetti

Giuseppe Pignatone

CASTROLIBERO (Cosenza) – Il comitato di redazione del Quotidiano della Calabria esprime preoccupazione per la deriva alla quale è giunta la polemica sulla vicenda Pesce. Oggi il direttore di Calabria Ora, Piero Sansonetti, ha messo all’indice un nostro collega della redazione di Reggio Calabria, Giuseppe Baldessarro, colpevole di essere “megafono della procura” reggina, solo perché aveva pubblicato alcuni atti di un processo e, quindi, pubblici, ribaditi qualche giorno dopo dallo stesso procuratore capo di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone.
Riteniamo questa pratica molto pericolosa sia per l’incolumità fisica del nostro collega, sia per l’intera categoria, sia per la stessa efficacia della lotta al malaffare e alla ‘ndrangheta. Riteniamo legittima, naturalmente, ogni forma di polemica e non vogliamo entrare nel merito.
Siamo convinti, però, che i giornalisti calabresi (nel senso di quelli che lavorano in Calabria) dovrebbero essere spinti tutti dalla stessa tensione morale nel combattere un fenomeno malavitoso che mina le fondamenta della nostra vita e quella delle generazioni future.
Oggi i giornali e i giornalisti calabresi hanno una grande occasione che arriva da un nuovo impulso alla lotta contro la criminalità da parte della magistratura inquirente, da parte delle forze dell’ordine e da parte della società civile, di cui la manifestazione di Reggio Calabria dello scorso settembre è stata una testimonianza.
I giornalisti svolgono un ruolo troppo importante per dividersi su queste cose e non c’è giustificazione alcuna per sovraesporre un collega solo perché è di un’altra testata, in un clima peraltro, già di suo, molto difficile. Esprimiamo, quindi il nostro più totale dissenso e la nostra ferma protesta nei confronti di chi mette a rischio l’incolumità fisica di colleghi coraggiosi e tenta di creare una frattura nella categoria in un settore dove, al contrario, sarebbe importante essere tutti dalla stessa parte.

Il comitato di redazione del Quotidiano della Calabria

I commenti sono chiusi.