Anno XI numero

Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Dei quattro reporter raggiunti da un colpo di mortaio, due sono ricoverati in ospedale

Sono due i giornalisti uccisi a Misurata

Tim Hetherington

MISURATA (Libia) – Due giornalisti sono stati uccisi oggi a Misurata, città nell’ovest della Libia, da settimane bombardata dalle truppe di Muammar Gheddafi. Due suoi colleghi sono rimasti feriti.
Lo riferisce un reporter dell’Afp presente all’ospedale di Misurata. I giornalisti sarebbero stati colpiti da un tiro di mortaio.
Secondo “Business Insider”, a morire sarebbero stati il fotografo inglese Tim Hetherington, e l’americano Chris Hondros, entrambi di 41 anni. La notizia è stata diffusa da un altro fotografo, Andre Liohn, sulla sua pagina di Facebook.

I due feriti sono Michel Brown e un terzo reporter identificato solo con il nome di Guy.
I quattro si trovavano in gruppo su Tripoli Street, la principale arteria di Misurata, dove proseguono gli scontri tra le forze di Gheddafi e i ribelli.
“Tim Hetherington è morto a Misurata mentre si trovava al fronte. Chris Hondros in ospedale. Michel Brown e Guy sono feriti ma stanno bene”, si legge nel messaggio pubblicato da Liohn sulla sua pagina Facebook. Hetherington, nato a Liverpool, quest’anno era stato tra i candidati al premio Oscar per «Restrepo», un documentario girato insieme al giornalista Sebastian Junger. Il giornalista è stato in passato anche vincitore del World Press Photo con un’immagine scattata in Afghanistan.

I commenti sono chiusi.