Anno IX numero
Agenda2018
Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

La storia di uno dei calciatori più amati nel ritratto di una prestigiosa firma del giornalismo sportivo

“Il mondo di Bulgarelli” nella penna di Italo Cucci

Italo Cucci

LICATA (Agrigento) – Il giornalista Italo Cucci, una delle firme più prestigiose del giornalismo sportivo italiano, sarà sabato prossimo a Licata per la presentazione del suo ultimo libro “Il mondo di Giacomo Bulgarelli”.
Già direttore del Guerin Sportivo, del Corriere dello Sport-Stadio e del Quotidiano Nazionale, ed attuale direttore editoriale dell’agenzia Italpress, Cucci ha scritto il libro tenendo ben presente l’ammonimento del grande campione: “Scrivi di me quello che ti pare… Ma non dire delle cazzate”.
Edito da Limina (pagine 136, 16 euro), il libro sarà presentato, alle 21.30, nella piazzetta Confraternita di San Girolamo della Misericordia, in occasione della terza serata di 
“Autori in piazzetta”, organizzata dall’associazione “Le Muse” e da Antica Dimora San Girolamo.
Durante la serata è previsto un collegamento telefonico con il telecronista Rai, Bruno Pizzul. Parteciperanno alla presentazione il giornalista di Rai Sport, Roberto Gueli, il direttore responsabile dell’agenzia Italpress, Gaspare Borsellino, e il direttore di Licatalive24.it, Giuseppe Patti.
“E’ un vero onore per noi – hanno dichiarato all’Italpress l’organizzatrice Lavinia Licata e la presidente dell’Associazione Le Muse, Daniela Mulè – avere un così importante giornalista italiano, molto noto anche all’estero. Ma anche di avere in collegamento telefonico uno dei telecronisti più amati dagli italiani. Siamo grati a Francesco Pira che, amico di Cucci e Pizzul, ci ha permesso di averli entrambi nella nostra manifestazione”.
Il libro narra di Bulgarelli, capitano e leader, anima e testa di quel Bologna che aveva sedotto anche Pier Paolo Pasolini. Ma l’intensa rivisitazione della vita calcistica di Bulgarelli è il viaggio a ritroso di Italo Cucci in un calcio perduto, dei piccoli grandi fatti di sport e vita che si intrecciarono nelle redazioni del Resto del Carlino, di Stadio, del Guerin Sportivo.

I commenti sono chiusi.