Anno XII numero

Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Gianfranco Di Giacomantonio, corrispondente di Abruzzo24ore.tv, portato a forza in cella e poi rilasciato

Arrestato in Venezuela un giornalista dell’Aquila

Gianfranco Di Giacomantonio

L’AQUILA – Arrestato e rilasciato in Venezuela un giornalista dell’Aquila, Gianfranco Di Giacomantonio. Il cronista, corrispondente del sito di informazione online Abruzzo24ore.tv dopo numerosi servizi sulla crisi politica che sta mettendo a ferro e fuoco il Paese era stato arrestato dalla polizia locale a Maracay, nel pomeriggio di ieri, mentre filmava una manifestazione di piazza. A raccontare l’episodio è il figlio Luca, direttore responsabile del sito.
“E’ stato un pomeriggio difficile per la nostra redazione – afferma -. Mio padre, corrispondente di Abruzzo24ore.tv dal Venezuela, ha subito un arresto assolutamente ingiustificato per un giornalista italiano che stava svolgendo il suo lavoro”.
“Preso di forza, privato della sua attrezzatura e portato in caserma ‘senza troppi complimenti’ – prosegue il direttore – ha trascorso numerose ore in cella senza che né il consolato, né la sua famiglia e tantomeno il giornale fosse informato di ciò che accadeva. Solo dopo qualche ora, da amici comuni e tramite il tweet del deputato all’assemblea nazionale Miguel Pizarro, siamo riusciti a capire ciò che stava accadendo e siamo riusciti ad attivare l’unità di crisi italiana che, tramite il consolato a Caracas e la vice console onoraria Mariella Petricone, è riuscita a trovare e dare supporto al nostro inviato. Mio padre, nel frattempo, chiedeva a gran voce la scarcerazione per non aver commesso alcun reato e di consultare il suo legale Dino Petricone che in qualche ora è riuscito a chiarire con le autorità le ragioni del nostro inviato. Ora Gianfranco è libero e sta tornando a casa, a breve avremo nuovi aggiornamenti e maggiori dettagli sugli avvenimenti di ieri”.
“Un doveroso ringraziamento – conclude il direttore di Abruzzo24ore.tv – va a quelli che si sono attivati per permettere la liberazione lampo di mio padre, Federica Moreghini, neo ministro degli Esteri, con il comitato di crisi della Farnesina, l’onorevole Giovanni Legnini, la senatrice Stefania Pezzopane, il consigliere regionale che già ebbe un ruolo importante sulla vicenda ‘Di Fabio’ Riccardo Chiavaroli, il capo di gabinetto del presidente del Consiglio regionale Nazario Pagano, Guido D’Urbano, la console a Caracas Jessica Cupellini, la vice console Mariella Petricone, il presidente dei giovani abruzzesi in Venezuela Johnny Margiotta e l’avvocato Dino Petricone”. (Agi)

I commenti sono chiusi.