Anno XII numero

Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Ha sospeso il risarcimento dei danni per il ritardo dei soccorsi in un incidente subacqueo

Asp Reggio Calabria denunciata da Saverio Occhiuto

Saverio Occhiuto

REGGIO CALABRIA – Il giornalista Saverio Occhiuto ha sporto denuncia alla Procura della Repubblica di Reggio Calabria e alla Corte dei conti di Catanzaro contro l’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio, per valutare se nella condotta dei tre commissari uscenti dell’Asp siano ravvisabili reati penali e contabili. Lo rende noto lo stesso Occhiuto.
Il fatto si riferisce alla sentenza emessa dalla Corte d’appello reggina nell’ottobre 2019, che condannava la vecchia Asl 11 di Reggio (poi inglobata nella Asp) a risarcire il giornalista per ritardato soccorso. Risarcimento mai erogato.

Il Tribunale di Reggio Calabria

L’episodio si riferisce ad un grave incidente subacqueo in cui Occhiuto era occorso il 12 luglio 2000 durante una immersione nelle acque di Lazzaro.
L’11 gennaio 2007 il Tribunale civile di Reggio aveva ritenuto fondata l’istanza di Occhiuto e condannato la Asl al risarcimento dei danni permanenti procurati dal ritardo (più di 5 ore) con cui il sub era stato trasporto dal 118 alla camera iperbarica di Palmi.
Un errore materiale commesso dal perito del Tribunale, spinse tuttavia Occhiuto, su consiglio del proprio legale, a inoltrare ricorso alla Corte d’Appello. Ricorso accolto parzialmente con la sentenza di secondo grado, passata in giudicato e notificata alla Asp il 7 ottobre 2019.
Nei 12 anni intercorsi tra le due sentenze uno dei giudici d’appello, Gaetano Amato, è stato condannato con l’accusa di pedofilia e diffusione di materiale pornografico, «lo stesso che per anni aveva tenuto nel cassetto la causa» afferma il giornalista. Prima della sentenza del 2019, nel 2018, era intervenuto lo scioglimento per mafia e dell’Asp affidata ai commissari su decreto del Ministero dell’Interno. Durante il periodo di commissariamento c’è anche l’inchiesta della Guardia di Finanza coordinata dalla procura di Reggio, che porta una ventina di persone, tra cui alcuni dipendenti e funzionari della Asl, sul registro degli indagati, per il presunto pagamento doppio di fatture.
«Così i commissari, “più realisti del re” – afferma Occhiuto – decidono di bloccare tutto. Compreso il procedimento amministrativo della pratica, giunta ormai a conclusione, con cui si dava corso alla sentenza della Corte d’appello dell’ottobre 2019». Un “abuso” secondo il giornalista visto che, tra l’altro, la stessa non rientrasse nei casi delle “fatture doppie” oggetto d’inchiesta.
«A quasi 21 anni da quell’incidente subacqueo – commenta Occhiuto – che mi è anche costato l’abbandono anticipato dal posto di lavoro per motivi di salute, non so più a quale organo dello Stato (o Santo) rivolgermi». (ansa)

CHI È SAVERIO OCCHIUTO

Saverio Occhiuto

Saverio Occhiuto, nato a Reggio Calabria il 19 maggio 1954, laureato in psicologia all’Università di Padova, vive a Pescara da 28 anni. Ha lavorato all’Ufficio Stampa del Comune di Reggio Calabria, città nella quale per tanti anni si è occupato anche di cronaca nera e giudiziaria.
Assunto come praticante al Giornale dei Calabria il 1° marzo 1987, è diventato professionista il 5 giugno 1987. Si è occupato, tra l’altro, dei più importanti fatti di cronaca nera e giudiziaria avvenuti in Calabria negli anni ’80. Ha intervistato il capo di “Cosa Nostra” Luciano Liggio, ha indagato sul caso Moro e sull’omicidio dell’ex presidente delle Ferrovie Lodovico Ligato.
Ha lavorato anche per la Gazzetta del Sud, il Giornale di Sicilia, Il Resto del Carlino, il Diario di Palermo.
Dal 1 febbraio 1993 al 31 luglio 2009 è stato prima redattore, poi vice caposervizio del quotidiano Il Centro di Pescara che, per motivi di salute, ha dovuto lasciare andando in pensione dal 1 agosto 2009.
Autore nel 2015 del libro “Don.
La ’ndrangheta mai raccontata”, collabora con Il Messaggero e cura il suo blog “Nuvole” edito dal quotidiano on line Abruzzoitalia.it. (giornalistitalia.it)

I commenti sono chiusi.