Anno XII numero

Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

L’Assostampa Campania Valle del Sarno piange il suo presidente onorario. Cordoglio del vicesegretario Fnsi, Carlo Parisi

Addio don Mario Vassalluzzo, sacerdote e giornalista

Don Mario Vassalluzzo riceve il premio Mimmo Castellano da Mimmo Falco

ROCCAPIEMONTE (Salerno) – È morto monsignor Mario Vassalluzzo, presidente onorario dell’Assostampa Campania Valle del Sarno. Vicario generale della Diocesi di Nocera Inferiore-Sarno per oltre un ventennio, avrebbe compiuto 84 anni il prossimo 12 agosto. Era stato ordinato sacerdote nel 1955. Ha accompagnato tutto l’episcopato del vescovo emerito, monsignor Gioacchino Illiano, prima come collaboratore e poi come vicario generale. È stato anche accanto al vescovo Giuseppe Giudice, come delegato ad omnia nel primo anno di episcopato.
Uomo nobile e di grande cultura, originario di Casalvelino, ma da decenni residente a Roccapiemonte, era storico, giornalista e autore di oltre trenta libri. I funerali, tenuti in mattinata nella parrocchia San Giovanni Battista di Roccapiemonte, e sono stati presieduti da mons. Giuseppe Giudice.
“Don Mario Vassalluzzo – ricorda il presidente dell’Assostampa Campania Valle del Sarno, Salvatore Campitiello –  ha inteso il giornalismo come un «mestiere», nel senso di ministerium, di servizio agli altri”.
Don Mario, agli esordi collaboratore di Avvenire, il Mattino, il Roma e (dal 1980) L’Osservatore Romano, nel dicembre 1962 dà vita ad un periodico, Ribalta giovanile. Nel 1975 fonda la Ralivas, la prima radio libera della Valle del Sarno, mentre a Casalvelino la radio Crd (Cilento radio diffusione). Nel 1980 è la volta di Telerocca, con servizi giornalistici sul sisma del 1980.
Passato, poi, a compiti di guida per le nuove generazioni di cronisti, don Mario prosegue la sua opera da direttore responsabile del Bollettino Diocesano e di altri periodici, quali La voce della carità, Il ponte, Realtà sociale, Tangram, Il labirinto, Insieme.
“Don Mario, insomma, nel suo percorso giornalistico, ha dimostrato – conclude Campitiello – di saper intuire la trasformazione profonda dei mezzi di comunicazione, attuando per un verso una riflessione sui vari campi della cronaca e dell’attualità, per un altro verso rendendo concreta una teoria del senso e del valore della persona”.
Profondo cordoglio per la scomparsa di mons. Mario Vassalluzzo viene espresso dal vicesegretario nazionale della Fnsi, Carlo Parisi, che esprime sentite condoglianze ai colleghi dell’Assostampa Campania Valle del Sarno. Il 7 febbraio 2011, al Circolo Unione di Pagani, in occasione della prima edizione del premio giornalistico nazionale “Mimmo Castellano”, l’Assostampa Campania Valle del Sarno aveva, infatti, consegnato il Premio speciale a Carlo Parisi ed il premio alla carriera a don Mario Vassalluzzo. “Una grande figura di alto prelato e di giornalista – ricorda Carlo Parisi – che ha saputo circondarsi dall’affetto della gente e dei colleghi che hanno avuto l’onore di stargli vicino e di apprezzarne le straordinarie doti di buon pastore”.

I commenti sono chiusi.