Anno XI numero

Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Assostampa e Cronisti Lombardi sconcertati dall’aggressione verbale del presidente della squadra di calcio di Busto Arsizio

Pro Patria: Vavassori insulta i giornalisti de “La Prealpina”

Pietro Valvassori

BUSTO ARSIZIO (Varese) – Il Gruppo Cronisti Lombardi, d’intesa con l’Associazione Lombarda Giornalisti, esprime sconcerto per l’aggressione verbale del presidente della Pro Patria, Pietro Vavassori, nei confronti di due giornalisti del quotidiano “La Prealpina” di Varese, presenti domenica scorsa a una conferenza stampa convocata allo stadio Speroni di Busto Arsizio.
In risposta a una domanda sul futuro della squadra calcistica, “il presidente ha risposto con toni pesantemente offensivi verso il quotidiano varesino e nei confronti dei giornalisti ad esso appartenenti. Un atteggiamento inquietante e inqualificabile, a maggior ragione perché pronunciato dal dirigente di una società sportiva dal quale ci si aspettano, invece, comportamenti improntati al rispetto e alla lealtà”.
A giudizio dei Cronisti Lombardi e dell’Assostampa “l’aggressione verbale del presidente Vavassori è il sintomo di un fastidio crescente nei confronti dei cronisti, colpevoli solo di registrare i fatti con puntualità e correttezza e addirittura accusati, come in questo caso, di avere «sfruttato» l’esercizio del diritto di cronaca”.
Il Gruppo Cronisti Lombardi ricorda al presidente della Pro Patria che “il diritto di cronaca da lui tanto mal sopportato è un dovere, elemento distintivo di un Paese libero e democratico. Lo stesso Paese libero e democratico che si è indignato, nel gennaio scorso, per i versi scimmieschi della tifoseria rivolti al calciatore Kevin Prince Boateng durante una partita amichevole con il Milan proprio allo stadio Speroni”.
Nonostante le scuse che sono, infine, giunte alla direzione del quotidiano “La Prealpina”, resta “lo sconcerto per il tentativo – fallito – di intimidire i giornalisti durante una conferenza stampa”.
Oltre a esprimere solidarietà ai colleghi e al quotidiano varesino vittime dei pesanti insulti, il Gruppo Cronisti Lombardi vigilerà e adotterà le azioni più opportune affinché simili episodi non si ripetano.

I commenti sono chiusi.