Anno VIII numero
Agenda2017
Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2017

Il 5 dicembre il workshop patrocinato da Giornalisti Italia e Sindacato dei giornalisti

Sportdigitale fa tappa a Reggio Calabria

REGGIO CALABRIA – In che modo i social network hanno cambiato la comunicazione delle società sportive? Com’è cambiato il modo di comunicare dei tifosi? E ancora: come i social hanno cambiato il modo di lavorare dei giornalisti sportivi? Sono solo alcuni degli aspetti che verranno affrontati durante il Workshop gratuito del team di Sportdigitale che si terrà martedì 5 dicembre a Reggio Calabria, dalle ore 10 alle 15, nella Sala Francesco Perri di Palazzo Foti, in Piazza Italia.
Promosso dall’Associazione Culturale Almatyche e da Elle P Event&Wedding, l’evento è patrocinato dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria, dal Comitato regionale del Coni, dal Sindacato Giornalisti della Calabria, dal quotidiano dei giornalisti italiani Giornalistitalia.it e dall’Automobile Club Reggio Calabria. Una giornata di formazione gratuita che si rivolge a società sportive, atleti, agenzie di stampa, giornalisti e procuratori sportivi.
Oggi, le storie di sport viaggiano nello spazio digitale. Siamo davanti alla certezza che il mondo dei social e il web abbia coinvolto la vita sportiva di società, atleti e tifosi. La professione dei giornalisti sportivi, sport brand journalist e fotografi sportivi segue altre dinamiche e ha bisogno di continui aggiornamenti ed adattamenti radicali nel modo di operare nel mondo digitale.
Ad aprire i lavori durante la giornata di martedì 5 dicembre sarà Carlo Parisi, segretario generale aggiunto della Federazione Nazionale Stampa Italiana, segretario del Sindacato Giornalisti della Calabria e direttore di Giornalisti Italia.

Alessandra Ortenzi

È in questo contesto che nasce il progetto #sportdigitale: a partire dal manuale “Digital Marketing per lo Sport, Strumenti e tecniche per la comunicazione sportiva” edito da Hoepli e redatto da Alessandra Ortenzi, in collaborazione con un team di professionisti digitali, esperti in discipline specifiche.
A scendere in campo a Reggio Calabria saranno tre professionisti del settore digitale che attraverseranno lo stivale per essere presenti durante il workshop: Alessandra Ortenzi, giornalista sportiva e autrice del libro, Roberto Gerosa, ideatore del blog SocialDaily.it e consulente per aziende e privati nel settore della comunicazione e del web marketing, Maria Francisca Gutierreza Milesi, giornalista sportiva.
“Auspico pieno successo dell’evento, considerata l’importanza di divulgare l’uso corretto del web e del social al servizio di tutti coloro che intendano dedicarsi allo studio e alla professione del giornalismo e comunicazione sportiva”, ha dichiarato il sindaco della Città Metropolitana Giuseppe Falcomatà.
In una regione in cui i professionisti sono ormai abituati a fare le valigie per seguire corsi di formazione nelle grandi città come Roma, Milano, Bologna, il workshop di Sportdigitale rappresenta un’occasione per usufruire di un momento di formazione di qualità e nella propria città.
“Reggio Calabria – afferma Alessandra Ortenzi – rappresenta, per il progetto Sportdigitale e per me personalmente, una grande opportunità. Il sud Italia vive di grandi realtà sportive, grandi e piccole, e sin dal primo momento in cui con il Team abbiamo deciso di diffondere la cultura digitale nel mondo sportivo, la volontà era quella di spingerci più a sud possibile, dove ci sono necessità maggiori di formazione e di crescita professionale e personale.
Il progetto – nato a margine del mio libro Digital Marketing per lo Sport – vuole puntare l’attenzione proprio sulle piccole e medie società sportive di ogni disciplina, per fare in modo che tutte le figure che ruotano attorno allo sport, dagli atleti alle società ai giornalisti sportivi, possano fruire delle grandi opportunità del digitale applicato alla comunicazione sportiva.
Il percorso è stato strutturato grazie all’esperienza che ognuno di noi ha sviluppato nel proprio campo: dalla mia personale come giornalista e responsabile della comunicazione di società e eventi sportivi, a quella dei miei compagni di squadra, ognuno specialista della sua disciplina. Questo per poter trasmettere non solo nozioni teoriche ma anche esempi pratici e immediatamente replicabili nella propria realtà sportiva”.
Durante il workshop, interamente gratuito, verranno forniti strumenti e soluzioni di declinazione delle parole attraverso i social media, analizzando l’aspetto di amplificazione della notizia attraverso Facebook e Instagram.
Maria Francisca Gutierreza Milesi racconterà come Twitter può essere utile al giornalista sportivo e quanto è importante il livetweeting. La seconda parte sarà dedicata a wordpress e alla Seo per il giornalismo sportivo. “Parleremo di come si scrive per il Web e come strutturare un testo in wordpress” – racconta Alessandra Ortenzi. Il workshop si concluderà con l’intervento di Roberto Gerosa che mostrerà diversi esempi di contenuti a 360° sia in ambito sportivo che in ambito social media marketing. Regalare la realtà immersiva al tifoso può essere la svolta per produrre foto e video a 360° da diffondere nei Social.
“Mantenere il workshop gratuito – spiega Mariarita Sciarrone, giornalista e presidente dell’Associazione Culturale Almatyche – è stata una condizione imprescindibile per permettere a chiunque lo desideri di usufruire di una giornata di formazione di alto livello. E per questo motivo vorrei ringraziare personalmente tutti i partner che hanno creduto in questo progetto e che ne hanno permesso la realizzazione offrendo il loro contributo. Non è semplice organizzare eventi in Calabria, soprattutto nel settore digitale”.
“Questo evento – aggiunge Laura Pizzimenti di Elle P Event – per Reggio Calabria è una vera e propria sfida. La città ha bisogno di sfide che chiamino all’appello persone che abbiano voglia di mettersi in discussione per crescere professionalmente e umanamente. L’argomento è settoriale e sicuramente nuovo per il panorama reggino, ma auspico che le figure professionali chiamate in causa partecipino attivamente, stimolate unicamente dalla curiosità e dalla sfida”. (giornalistitalia.it)

I commenti sono chiusi.