Anno VIII numero
Agenda2017
Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2017

Mentre stava realizzando un servizio sulle case Aterp nel centro storico di Rossano. Parisi (Fnsi): “Ennesima vigliaccata”

Danni all’auto della giornalista Antonia Russo

Antonia Russo

ROSSANO (Cosenza) – Stava realizzando un’inchiesta sul fenomeno delle occupazioni abusive di fabbricati di proprietà Aterp nel centro storico di Rossano, in provincia di Cosenza e, tornando a riprendere l’auto, la brutta sorpresa: la vettura era stata pesantemente danneggiata.
È accaduto nella tarda mattinata di ieri alla giornalista Antonia Russo, che si era recata, insieme alla troupe di Informazione & Comunicazione, la testata per la quale la cronista lavora, nelle zone di San Pietro, San Biagio, Colonia Sant’Isidoro e Via Cairoli, nel centro storico della cittadina ionica. Luoghi nei quali si trovano residenze di edilizia popolare di recente realizzazione, alcune delle quali murate per impedire ingressi illeciti.
A condannare “l’ennesimo atto di vigliaccheria ai danni di un giornalista” è Carlo Parisi, segretario generale aggiunto della Fnsi e segretario del Sindacato Giornalisti della Calabria, che invita Antonia Russo a “proseguire nel suo lavoro con la serenità e l’impegno di sempre, nella consapevolezza di non essere sola”.
“Non saranno certamente azioni come questa – incalza Parisi – a fermare il lavoro quotidiano e capillare dei giornalisti calabresi, baluardo fondamentale del rispetto delle regole e della legge in certe aree in cui vivere, lavorare, esercitare i propri sacrosanti diritti significa dover lottare ogni giorno. Ad Antonia Russo e a quanti, come lei, si impegnano per denunciare ingiustizie, irregolarità, se non veri e propri misfatti, in una terra avida di lavoro, ma prodiga, purtroppo, di violenze e soprusi, vanno e andranno sempre la solidarietà e la vicinanza del Sindacato Giornalisti, a nome di tutti i colleghi”. (giornalistitalia.it)

I commenti sono chiusi.