Anno XI numero

Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Figura storica del giornalismo bellunese, aveva cominciato nel campo del cinema e della radio. Lunedì i funerali

Addio al giornalista Ivano Pocchiesa, pioniere della tv privata

Ivano Pocchiesa Cno

BELLUNO – Lutto nel mondo del giornalismo veneto. All’età di 77 anni si è spento Ivano Pocchiesa Cno, considerato il “padre” dell’emittenza televisiva privata in provincia di Belluno. Nato il 1° agosto 1935, era giornalista pubblicista iscritto all’Ordine del Veneto dal 6 settembre 1977. A darne notizia è stata l’Associazione Bellunesi nel Mondo, il cui presidente, Oscar De Bona, lo ricorda come “una figura storica, dinamica, che ha dato la vita per il giornalismo, la televisione, la radio, la cultura locale”.
Documentarista e regista, aveva alle spalle un’intensa attività iniziata giovanissimo nel campo del cinema, della fotografia, della radio e della televisione privata. Nel 1963, assieme ad alcuni amici, aveva infatti fondato il Cinefotoclub di Belluno guidandolo per dieci anni.
Nel 1974 è stato tra i fondatori della prima emittente radiotelevisiva della provincia di Belluno, “Radio Teledolomiti”, che ha diretto fino al 1986. Dal 1980 al 1995 ha, inoltre, diretto “Radio City Belluno” curando, contemporaneamente, le edizioni discografiche “MD Communication” e “Belumat”.
Produttore di decine di documentari radiofonici, televisivi e servizi speciali, dal 1973 è stato consigliere e membro dell’Esecutivo dell’Associazione Bellunesi nel Mondo, oltre che vicedirettore della rivista mensile “Bellunesi nel Mondo”. Dal 1990 al 1995 è stato responsabile dell’Ufficio stampa di Longarone Fiere Srl, mentre dal 1998 al 2000 ha coordinato il Bollettino del Distretto 2060 (Triveneto) del Rotary Club e diretto il Bollettino mensile del Rotary Club di Feltre.
E’ stato anche direttore responsabile di “Radio Company”, “Corriere di Bilt” e “Filò”. I funerali avranno luogo a Belluno, lunedì 22 luglio alle ore 15.30, nella Chiesa di Santo Stefano.

I commenti sono chiusi.