Anno IX numero
Agenda2018
Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Oltre al presidente della Fnsi, al Consiglio nazionale dell’Unaga erano presenti il segretario generale Siddi e il ministro Catania

Rossi (Fnsi): “Positivo il ruolo di aggregazione dell’Unaga”

Da sinistra: il presidente della Fnsi Giovanni Rossi, il ministro Mario Catania e il presidente dell’Unaga Mimmo Vita

ROMA – Ai lavori del Consiglio nazionale dell’Unaga (il gruppo di specializzazione del Sindacato dei giornalisti che organizza i colleghi che operano nel settore dell’agroalimentare e dell’ambiente), svoltosi sabato 9 marzo a Roma, sono intervenuti il Presidente della Fnsi, Giovanni Rossi, e il segretario generale Franco Siddi, sottolineando lo stato di crisi dell’editoria e la “drammatica fase di transizione”, come ha affermato Siddi, che colpisce l’intero sistema giornalistico italiano e che il Sindacato intende comunque affrontare senza arretrare rispetto ai suoi principi ed obiettivi.
“Il ruolo di Unaga”, ha affermato il nuovo Presidente della Fnsi, Giovanni Rossi, “è estremamente positivo e costituisce un esempio per altri gruppi di specializzazione, uno dei punti di eccellenza per il suo ruolo di aggregazione tra colleghi sulla base di una specificità professionale”.
I due dirigenti della Fnsi hanno tracciato un quadro della grave situazione del settore dell’editoria rivendicando una attenzione nuova e concreta dalla politica e dalle istituzioni.
Un particolare spazio è stato dato al tema della regolamentazione professionale e contrattuale del lavoro giornalistico negli Uffici stampa, questione aperta da anni e che è stata posta all’attenzione del Cn, in particolare, da un messaggio dei colleghi del Friuli-Venezia Giulia. Il Ministro, Mario Catania, ha colto l’occasione per un intervento di merito sulla politica agricola italiana.
“Il negoziato per il rinnovo della Pac si sta avviando alla fase conclusiva.  Rivendico la correttezza di un trasferimento di budget dagli aiuti diretti ai fondi per lo sviluppo rurale”.
Il Ministro ha, poi, illustrato ai giornalisti della stampa specializzata le principali modifiche in discussione a Bruxelles, sottolineando il ruolo attivo dell’Italia nell’esame e nella formulazione di proposte atte a rendere più efficaci le linee strategiche che caratterizzeranno l’agricoltura europea fino al 2020. “Credo”, ha affermato, “che la politica di aiuti diretti, considerati i costi che impone, non reggerà più. Dobbiamo imparare a usare bene la leva dello sviluppo rurale”.
Il Ministero – ha sostenuto Catania – ha svolto un ruolo fondamentale nella formulazione delle proposte in discussione a Bruxelles presso i principali tavoli agricoli: la determinazione degli aiuti al settore, lo sviluppo rurale e la complessa questione del “greening”, sul quale si è arrivati a un accordo che esclude i piccoli appezzamenti (fino a 10 ettari), limita l’alternanza a due colture in quelli intermedi e ne impone tre alle grandi proprietà.
“Stiamo definendo altri aspetti importanti della nuova Pac, dallo sviluppo rurale alla figura dell’agricoltore attivo. Ora possiamo affrontare serenamente la fase di negoziato a Bruxelles, cercando di non commettere errori, consapevoli che la parte più difficile potrebbe arrivare con l’applicazione della nuova Pac in sede nazionale, quando l’Italia dovrà applicare con il necessario buon senso tutte quelle misure facoltative contenute nella Politica agricola comunitaria”.
Per quanto riguarda i tempi di approvazione, il Ministro Catania ha confermato il probabile slittamento di un anno. Il titolare del dicastero delle Politiche agricole ha sottolineato il ruolo strategico della stampa specializzata per l’informazione in un settore che torna al centro della scena economica e sociale. “Dobbiamo avviare”, ha dichiarato, “dei percorsi di rilancio, che partono dall’agricoltura e dal suo ruolo nel nuovo modello di sviluppo del nostro Paese. Tali percorsi potranno toccare in modo positivo la vostra professione, la cui importanza è nevralgica per la tenuta della democrazia in Italia”.
Il Presidente dell’Unaga, Mimmo Vita, ha espresso soddisfazione per l’intervento del ministro Catania e per il riconoscimento del suo dicastero al ruolo della stampa specializzata, concretizzato nella concessione dello spazio più prestigioso del ministero, la Sala Cavour, al Consiglio del gruppo di specializzazione della nostra Federazione.
“I temi sollevati dal ministro Catania” ha affermato Vita, “saranno determinanti per il futuro dell’agricoltura italiana ed europea. Come stampa specializzata, ci impegniamo a fare rete con istituzioni e associazioni attive nel settore affinché si possa riflettere sulle questioni agricoltura/ambiente e agricoltura/turismo rurale, determinanti per il futuro del settore primario e per la sopravvivenza delle aziende agricole italiane”.
Il Consiglio nazionale ha confermato lo svolgimento del Congresso nazionale elettivo a Bari nel prossimo autunno e l’impegno a ospitare gli Stati generali dei giornalisti agroalimentari di tutto il mondo in Italia, in occasione di Expo 2015.

I commenti sono chiusi.