Anno X numero
Agenda2018
Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Presentata la nuova stagione del programma in onda giovedì su La7. Potrebbe essere l’ultimo anno di conduzione

Michele Santoro pronto a riaprire il suo “Servizio Pubblico”

Michele Santoro

ROMA – “Penso che questo sia il mio ultimo anno alla conduzione di un programma di questo tipo. Vorrei dedicarmi a progetti più complicati, ma servirebbe qualcuno che che me ne desse la possibilità”. Lo ha detto Michele Santoro nel corso della presentazione di “Servizio Pubblico”, in onda da giovedì su La7.
“Quando sento parlare il presidente Rai mi commuovo. Tarantola vuole una Rai bella e onesta. Voi come lo vorreste il marito? Tutti lo vorrebbero bello e onesto. Ma il punto è un altro: Luttazzi lo vuole o no? Celentano lo vuole o no?”, ha affermato Santoro.
“La tv deve essere educata o deve far discutere? – ha aggiunto – Perché se non deve far discutere, a cosa serve spendere soldi? O c’è qualcuno che si spaventa se la tv da discutere? Se c’è qualcuno che si spaventa lo voglio vedere in faccia, non deve nascondersi dietro i tecnici, solo perché si devono mettere a posto i conti”.
“Il tema oggi in Rai – ha proseguito – è capire chi comanda. Se indagassimo un po’ ne scopriremmo delle belle. Capiremmo che i partiti contano ancora e non si muove solo chi faceva le cene con Berlusconi”. Santoro ha anche parlato della sua candidatura a direttore generale della Rai in tandem con Carlo Freccero.
“Quando ho saputo – ha detto – che i movimenti avevano scelto di candidare per il cda Colombo e Tobagi, che sono persone degnissime, mi sono cadute le braccia. Da lì sono stato zitto”. “Il problema – ha aggiunto – è che per guidare la Rai occorre coniugare onestà e competenza, ma i partiti non vogliono chi ha queste qualità”.
Saranno Gianfranco Fini, Matteo Renzi e Diego Della Valle gli ospiti della prima puntata di “Servizio Pubblico” in onda da giovedì su La7. Il titolo provvisorio è “Ladri di Stato”. Lo ha annunciato Michele Santoro, spiegando che la squadra è stata confermata, che “la scenografia è più raccolta” e che “il titolo della stagione è la ricerca del leader che non c’é”. Ogni settimana verrà lanciato un sondaggio in rete tra otto leader politici e chi risulterà primo se la vedrà nell’ultima puntata con Mario Monti. (Ansa)

I commenti sono chiusi.