Anno XI numero

Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Appello del Comitato di redazione agli azionisti di Telecom Italia Media sull'anomala vicenda della vendita

I giornalisti de “La7” si tuteleranno in sede legale

ROMA – I giornalisti de La7 chiedono agli azionisti di Telecom Italia media chiarezza sull’anomala vicenda della vendita delle attività televisive del gruppo Telecom.
La scelta di mettere sul mercato le strutture di trasmissione – cioè frequenze e ripetitori – separatamente da La7 – ovvero dalla rete, dalla testata giornalistica e dalla quasi totalità dei lavoratori – rischia di rendere possibili operazioni di progressiva dismissione industriale con pericoli per l’occupazione e per la stessa sopravvivenza dell’emittente.
I giornalisti de La7 si cauteleranno anche in sede legale contro l’illegittimo ricorso alla formula della cessione di ramo d’azienda già contestato in sede sindacale dalla Fnsi, dalle associazioni regionali della stampa e dal comitato di redazione.
Il Comitato di redazione insieme alla Federazione Nazionale della Stampa, all’Associazione Stampa Romana e all’Associazione Lombarda dei Giornalisti promuoverà iniziative pubbliche per mantenere alta l’attenzione delle forze politiche, delle autorità garanti e dei cittadini su una vicenda che riguarda l’intero assetto televisivo italiano, il pluralismo dell’informazione e quindi la democrazia.
I giornalisti de La7 ricordano che l’informazione della testata diretta da Enrico Mentana è – assai più dei costosi programmi delle star dai modesti risultati – la risorsa più preziosa dell’azienda e chiedono spazi, investimenti e un confronto serio con i vertici aziendali per risolvere il consistente contenzioso legale già avviato e arginare quello che potrebbe presto concretizzarsi.
Anche per questo motivo è necessario affrontare senza più dilazioni la questione del precariato e quella della corretta applicazione del contratto nazionale giornalistico e degli accordi integrativi aziendali.

I commenti sono chiusi.