Anno X numero
Agenda2018
Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

STORIA – Il giornalismo investigativo 7: il pensionamento anticipato del più grande anchorman di sempre

“Memogate” e “Rathergate”: il caso Killian

Dan Rather

George W. Bush

ROMA – Un grave infortunio di giornalismo investigativo, svelato su Internet, determinò il pensionamento anticipato alla Cbs News di Dan Rather, il più grande anchorman di sempre. Il caso Killian, noto anche come “Memogate” o “Rathergate”, ha coinvolto in ben sei documenti diversi della Guardia Nazionale Aerea del Texas, risalenti al biennio 1972-1973, il presidente George W. Bush.
I documenti sono stati ottenuti per Cbs News, dal produttore Mary Mapes e dal giornalista freelance Michael Smith, e consegnati dal tenente colonnello Bill Burkett, un ex ufficiale della Guardia Nazionale dell’Esercito, superiore di Bush.
Mapes e Dan Rather, stavano indagando da diversi anni sulle polemiche che volevano che il presidente Bush non avesse ottemperato ai suoi obblighi di militare nei confronti della Guardia Nazionale. Mapes agganciò Burkett, che era conosciuto perché nel 2000 era stato trasferito a Panama per aver rifiutato di “falsificare fascicoli personali dell’allora governatore Bush”, e nel febbraio 2004 affermò di essere a conoscenza del “riciclaggio” dei documenti del Texang Bush.
Il produttore Mapes si fidò di Burkett, anche se era consapevole del fatto che molti giornalisti consideravano Burkett un “anti-Bush” fanatico, senza credibilità. Burkett il 24 agosto decise di incontrarsi con i produttori di Cbs News per condividere i documenti che possedeva, come disse poi ai giornalisti di Usa Today che avevano svolto un’indagine parallela sull’autenticità dei documenti. Aveva accettato di consegnare i documenti in cambio di un contratto editoriale, la sicurezza e un compenso finanziario.
Mapes e i suoi colleghi intervistarono persone che potevano confermare le informazioni contenute nei documenti mantenendo, al tempo stesso, quattro esperti di documenti: Marcel J. Matley, James J. Pierce, Emily Will, e Linda James, per determinare la validità del memo.
Il 5 settembre, Cbs intervistò un amico di Killian, Robert Strong, che gestiva l’ufficio amministrativo del Texas Air National Guard, il quale dichiarò: “Questi documenti sono compatibili con il modo di lavorare del tempo. Sono compatibili con i comportamenti di Jerry Killian”.
Il 6 settembre, il generale Robert “Bobby” Hodges, un ex ufficiale presso il Texas Air National Guard e superiore di Killian, rifiutò la richiesta di Cbs di rilasciare un’intervista, ma Mapes gli lesse i documenti per telefono. Secondo Mapes, Hodges era d’accordo con la valutazione della Cbs che i documenti erano reali.
Prima della messa in onda, tutti e quattro gli esaminatori risposero alla richiesta di Mapes per l’analisi del documento, anche se solo due in modo esplicito. Emily Will notò delle discrepanze nelle firme, sulla carta intestata e sulla spaziatura del tipo di carattere, l’apice “th” e la formattazione erronea della data.
Linda James era stata “in grado di giungere a una conclusione circa la firma” osservando che l’apice “th” non era di uso comune al momento della stesura del memorandum. Ricordò in seguito che aveva detto alla Cbs che “i due documenti che aveva esaminato avrebbero creato problemi”.
James Pierce concluse che entrambi i documenti erano stati scritti dalla stessa persona e che la firma era di Killian. Solo uno dei due documenti forniti a Pierce aveva una firma. James Pierce scrisse:

Jerry B. Killian

“L’equilibrio delle firme di Jerry B. Killian che compaiono sui documenti fotocopiati interrogati sono coerenti e in accordo”, dichiarando che, in base a ciò che sapeva, “i documenti in questione sono autentici”. Tuttavia, Pierce ha anche detto Mapes non poteva essere sicuro se i documenti erano stati modificati perché stava rivedendo le copie, i documenti non originali.
Due documenti sono stati forniti da Burkett di Mapes il 2 settembre e altri quattro il 5 settembre 2004. Questi ultimi sono stati presentati come autentici in un “60 minutes” sulla Cbs, l’8 settembre 2004, meno di due mesi prima della elezioni presidenziali del 2004.
I documenti dimostravano che Bush aveva disobbedito agli ordini, non era voluto andare in Vietnam e alla Guardia Nazionale era stato fatto di tutto per migliorare il suo stato di servizio. Furono trasmesse anche le immagini di un colloquio con l’ex vice governatore del Texas, Ben Barnes, che avrebbe dovuto dichiarare pubblicamente, per la prima volta, la sua opinione sul fatto che Bush aveva ricevuto un trattamento preferenziale per entrare nella Guardia Nazionale.
C’era la documentazione che Bush si rifiutava di volare e che non si era presentato alla visita medica come ordinato. Killian chiese l’istituzione di una commissione d’inchiesta volo, convocata, come previsto dalla normativa, per esaminare i motivi per i quali Bush non volava.
Poche ore dopo la trasmissione, l’autenticità dei documenti fu messa in discussione dal sito “Libera Repubblica”, un forum internet conservatore, e la discussione si diffuse rapidamente in vari weblog nella blogosfera.
Più tardi, il testimone Hodges, riferì che quando Mapes leggeva al telefono parti del documento, ricordava di aver solo detto: “Bene, se li scrive, questo è quello che sentiva”, aggiungendo di non aver mai confermato la validità del contenuto dei documenti.
Il tenente colonnello Bill Burkett sostenne di aver bruciato i documenti dopo l’invio delle fotocopie alla Cbs, quando fu chiaro all’opinione pubblica che la Cbs aveva omesso di autenticare i documenti. Operazione impossibile senza i documenti originali. Dan Rather dichiarò: “Ci è stato detto che i documenti sono stati presi dai file personali del tenente colonnello Killian”, ma non disse correttamente che “il materiale” era stato autenticato da esperti trattenute dalla Cbs.
Le accuse su internet comprovavano che i documenti erano stati stampati con convenzioni tipografiche moderne diverse da quelle in uso nelle macchine da scrivere militari del 1970. Da qui l’accusa che erano falsi. Accuse, però, riprese da “The Washington Post”, “The New York Times” e “The Chicago Sun-Times”.
La Cbs inizialmente si difese, insistendo che i documenti erano stati autenticati da esperti, ma gli stessi presto ritrattarono. Il 20 settembre, Cbs News ritrattò la storia, Rather amareggiato disse: “Se avessi saputo allora quello che so adesso, non sarei andato avanti con la storia come è stata mandato in onda e, di certo, non avrei usato i documenti in questione”.
Il presidente della Cbs News, Andrew Heyward, dal canto suo ammise: “Sulla base di quanto sappiamo ora, Cbs News non può provare che i documenti sono autentici, che è l’unico standard accettabile giornalisticamente per giustificare il loro utilizzo. È stato un errore e ne siamo profondamente rammaricati”.
In seguito a un’indagine, la Cbs licenziò il produttore, Mary Mapes, e chiese le dimissioni di altri tre produttori collegati con la storia. Ma accelerò anche il pensionamento di Dan Rather che, però, intervistato il 20 settembre 2007 al “Larry King Live”, commentò: “Nessuno ha dimostrato che erano fraudolenti, e tanto meno un falso”. Nel 2010, Tv Guide lo ha incluso tra i dieci più grandi errori del giornalismo americano. (7-continua – riproduzione riservata)

I commenti sono chiusi.