Anno X numero
Agenda2018
Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

L'amministratore fa saltare l'incontro con l'assessore provinciale del lavoro. Cdr e Rsu: “Mai ritirato lo stato di agitazione”

Sciopero in vista ad “Antenna Tre Nordest Free”

TREVISO – E’ stato rinviato a data da destinarsi l’incontro, convocato dall’assessore provinciale alle politiche del lavoro di Treviso, che avrebbe dovuto vedere ieri al tavolo l’amministratore delegato di Antenna Tre-Nordest Free e le rappresentanze sindacali per fare chiarezza sulla difficile situazione in cui versa l’azienda.
Con due righe inviate alla vigilia dell’incontro, il dott. Antonio Barcella ha, infatti, comunicato all’assessore la sua indisponibilità e non ha fornito date alternative per una eventuale nuova convocazione. 

“Uno schiaffo, l’ennesimo – affermano il Comitato di redazione e le Rsu – per i lavoratori di Antennatre Nordest/Free che attendono invano da mesi il ripristino delle normali condizioni lavorative che non possono prescindere dalla ripresa della regolarità dell’erogazione delle retribuzioni”.
I lavoratori, non comprendendo “l’atteggiamento dell’azienda e del suo amministratore delegato”, ricordando che “il dott. Barcella, in una recente mail indirizzata a un collega, ha detto testualmente: «Le chiacchiere vanno a zero ed i fatti sono quelli che contano». Bene, noi – affermano i lavoratori – questi fatti non li abbiamo ancora visti, così come non abbiamo ancora visto la relazione sulla gestione dell’azienda che l’amministratore delegato ha annunciato più volte di essere in procinto di presentare (l’ultima in ordine di tempo lo scorso 3 luglio)”.
Alla luce di quanto esposto, i lavoratori di Antennatre Nordest/Free ricordano all’azienda e all’amministratore delegato di “non aver mai ritirato lo stato di agitazione in atto da alcuni mesi e comunicano che a partire dalla giornata odierna – ieri, ndr – potrebbe non essere garantito il normale svolgimento dell’attività lavorativa (tecnica e redazionale)”.

I commenti sono chiusi.