Anno IX numero
Agenda2018
Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Unico italiano al concorso nazionale della California del Sud. La sua inchiesta per la tv

Los Angeles premia il giornalista Compatangelo

Daniele Compatangelo

TORINO – L’altra faccia di Los Angeles, quella “brutta, sporca e cattiva” dietro ai luccichii di Hollywood, è andato a cercarla e a raccontarla proprio un giornalista italiano, Daniele Compatangelo, 35 anni, nato a Savona e cresciuto a Torino. E nel farlo ha vinto anche un prestigioso riconoscimento.
Compatangelo ha ricevuto, a Los Angeles, nella Crystal Ballroom del Biltmore Hotel – sala divenuta celebre negli Anni Trenta perché qui si celebrarono le prime “notti degli Oscar” –  la sua Honor of Mention come unico giornalista italiano al 53° Concorso Nazionale dei giornalisti professionisti americani della California del Sud (53rd Southern California Journalism Award).
Da oltre mezzo secolo il concorso premia i migliori lavori giornalistici pubblicati negli Usa nell’anno appena trascorso: si spazia dal New York Times al Los Angeles Times, fino alla Cnn. Nella sezione giornalisti stampa estera ha vinto l’inchiesta televisiva di Compatangelo: 22 minuti di filmato su “Los Angeles: la caduta, tra crisi e solitudine”.
“Con questa inchiesta – spiega Compatangelo – ho voluto mostrare come la crisi di questa città sia più grave di quello che noi Italiani ci possiamo immaginare. La vera «città del cinema» è fatta di poveri, sporcizia, immondizia abbandonata per strada, di un immenso ghetto messicano a pochi passi dal teatro dove tutti gli anni si svolge la «notte degli Oscar», di una forte immigrazione illegale e di famiglie intere che hanno perso la casa e sono costrette a dormire per strada e a mettersi in coda per ore davanti ad alcune chiese per assicurarsi un pasto caldo al giorno”.
Compatangelo si è trasferito a Los Angeles un anno fa, dopo un’esperienza in Canada, a Vancouver, al Centro Stampa Internazionale dei Giochi Olimpici 2010.
“Qui negli Usa – spiega il giornalista – sebbene ci sia crisi si può ancora lavorare e creare. Mi sono inventato anche un’agenzia di giornalismo e comunicazione tra Italia e Stati Uniti: la Cij, Compatangelo International Journalism. Visti gli alti costi per spedire un inviato oltre oceano per un servizio giornalistico, la mia agenzia offre la possibilità di avere a disposizione giornalista e operatore direttamente sul posto. Tornerò sicuramente in Italia, ma per il momento continuo da qui a scrivere e a mandare servizi tv”.

I commenti sono chiusi.