Anno VIII numero
Agenda2017
Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2017

Infondate le “accuse gravissime” contro Michelangelo Tripodi pubblicate in 1ª pagina

Diffamazione, un’altra condanna per Sansonetti

Michelangelo Tripodi

Piero Sansonetti

COSENZA – Un’altra brutta tegola per Piero Sansonetti, il direttore del quotidiano Il Dubbio che, nel volgere di qualche settimana, subisce un’altra condanna per diffamazione a mezzo stampa legata alla sua esperienza di direttore di Calabria Ora.
Una condanna pesante, non tanto per la somma che sarà costretto a pagare – comunque oltre 7 mila euro – ma per le motivazioni contenute nella sentenza che accoglie le richieste dell’ex assessore all’Urbanistica della Regione Calabria, Michelangelo Tripodi, giornalista pubblicista e attuale componente della Segreteria Nazionale del Partito Comunista Italiano con delega alle autonomie locali e alle politiche per il Mezzogiorno.
Dopo la condanna inflitta a Sansonetti su denuncia del collega Luciano Regolo, suo successore alla guida del quotidiano calabrese, la II Sezione Civile del Tribunale di Cosenza ha, infatti, accolto la domanda di risarcimento danni conseguenti alla diffamazione a mezzo stampa formulata da Tripodi, condannandolo al risarcimento dei danni non patrimoniali quantificati Leggi tutto…

Da oggi in libreria l’ultimo libro del giornalista calabrese già vice direttore della Tgr Rai

Mimmo Nunnari spiega la Calabria agli italiani

Mimmo Nunnari immortalato tra le meraviglie della sua Calabria

REGGIO CALABRIA – “Metà inferno e metà paradiso, terra di misteri e ombre nere, ricca di intelligenze, di gente onesta e accogliente, scenario di grandi bellezze e custode di un immenso patrimonio archeologico, ma con un destino che appare irrimediabilmente segnato dalla minaccia del potere mafioso. Ma perché la Calabria è così? O è vista in questo modo dagli italiani?”.
È questo l’incipit del nuovo libro di Mimmo Nunnari “La Calabria spiegata agli italiani” (Rubbettino editore, pagine 200, euro 15) da oggi in libreria su tutto il territorio nazionale. Un libro che non nasconde i mali interni della Calabria, che ci sono e sono tanti, ma che tenta di fare chiarezza sul mancato sviluppo di un’antica regione mediterranea oggi diventata sud del sud, simbolo di degrado civile e arretratezza. Le cause di questa “anomalia italiana”, Leggi tutto…

La posizione del Parlamento Ue dopo l’incontro Fnsi col presidente S&D Gianni Pittella

Questa Turchia non è degna di entrare in Europa

Da sinistra: Sinan Seker, Antonio Ruggieri, Gianni Pittella, Carlo Parisi, Hikmet Aslan e Ferda Cetin a Bruxelles

BRUXELLES (Belgio) – “In Turchia è in atto una deriva illiberale che va fermata. L’unica cosa che può convincere Erdogan a porre fine allo stato di emergenza e liberare migliaia di prigionieri è una forte presa di posizione dalla comunità internazionale. Serve una condanna dei leader mondiali. Durante il fascismo gli oppositori come Matteotti venivano uccisi, il regime sovietico mandava Leggi tutto…

Il 13 luglio l’assemblea dei creditori, ma i soldi non coprono neppure il 20% del debito

È l’Ora del fallimento, salvo complicazioni

I giornalisti dell’Ora della Calabria con il direttore Luciano Regolo e il segretario generale aggiunto della Fnsi, Carlo Parisi, davanti alla Prefettura di Cosenza. Tre anni e mezzo dopo la forzata chiusura del giornale si attende ancora giustizia

COSENZA – Ennesima puntata nell’interminabile odissea de l’Ora della Calabria. Il gruppo C&C, la società che editava la testata, ben tre anni fa, dopo il “Caso Gentile” e il rifiuto della redazione di accettare il passaggio di proprietà a Umberto De Rose – lo stesso stampatore protagonista della telefonata del “cinghiale ferito” e simulatore del guasto alla rotativa, che impedì l’uscita Leggi tutto…

Torinese, 50 anni, sarà insediato il 18 luglio prossimo dal direttore Vincenzo Morgante

Luca Ponzi caporedattore della Tgr Calabria

Luca Ponzi, nuovo caporedattore della Tgr Rai della Calabria

COSENZA – La Testata Giornalistica Rai della Calabria ha il suo nuovo caporedattore: Luca Ponzi. Nato a Torino il 4 aprile 1967, dove ha sempre vissuto, è sposato ed ha una bambina di dodici anni. Laureato in scienze politiche, cresciuto nell’emittente televisiva locale Videogruppo, dove ha lavorato dal 1992 al 1998, è giornalista professionista iscritto all’Ordine del Piemonte Leggi tutto…

Intervista al giornalista da oggi in libreria con il suo ultimo libro che scandaglia la complicità tra le due donne

Lady D e Madre Teresa svelate da Luciano Regolo

MILANO – Esce oggi in libreria “L’ultimo segreto di Lady Diana – Il mistero del rapporto tra la principessa più amata e Madre Teresa”, il nuovo libro di Luciano Regolo (edizioni San Paolo). Il volume scandaglia nelle pieghe più intime l’insolita complicità spirituale creatasi tra due figure di donne molto diverse, sotto certi aspetti agli antipodi. Giornalistitalia.it ne ha parlato con l’autore, Leggi tutto…

Continua il colpevole cono d’ombra dell’informazione nazionale sulla Calabria

La lotta alla ’ndrangheta serve all’Italia intera

Michele Albanese in una delle numerose manifestazioni organizzate dal Sindacato Giornalisti della Calabria e dalla Federazione Nazionale della Stampa in Calabria (a sinistra il procuratore Nicola Gratteri e mons. Salvatore Nunnari)

REGGIO CALABRIA – Il cono d’ombra dell’informazione nazionale sulla Calabria continua. Lo scontro in atto tra lo Stato e la più potente organizzazione criminale del mondo, la ‘ndrangheta, sembra interessare poche testate. Nelle pagine o nei siti dei giornali nazionali o delle tv nemmeno il fermo di centinaia di ‘ndranghetisti e altrettanti indagati da parte della Direzione Distrettuale Antimafia cattura l’attenzione che merita. Così come non ha catturato la considerazione che, invece, meritava Leggi tutto…

Nell’ultimo libro del giornalista, in uscita il 7 luglio, il lato più intimo della principessa

Luciano Regolo svela l’ultimo segreto di Lady D

ROMA – Vent’anni fa moriva sotto il tunnel de l’Alma Lady Diana. Su di lei è stato scritto e detto di tutto, scavando in veri e presunti gossip del suo privato. Come un interminabile feulleiton, sempre più piccante di puntata in puntata. Mai, però, si è svelato il suo lato più intimo, la luce che ne ha guidato i passi, portandola dalla collera e dalla paura in cui era precipitata dopo la rottura con il principe Carlo alla serenità sincera con cui aveva abbracciato grandi cause umanitarie come la battaglia anti-mine, il sostegno agli ammalati di Aids, ai senzatetto, ai bambini orfani e ammalati.
Lo fa, in occasione del 20° anniversario della morte di Lady Diana (31 agosto 1997) e di Madre Teresa (5 settembre 2017), Luciano Regolo, giornalista di lungo corso e autore di numerosi bestseller, nel suo ultimo libro “L’ultimo segreto di Lady Diana”. Il mistero del rapporto tra la principessa più amata e Madre Teresa” (272 pagine; 17,50 euro), in uscita venerdì prossimo, 7 luglio, per le Edizioni San Paolo.
C’è un cammino segreto che ha dato quiete alla sua anima in pena. Per la prima volta questo libro, con una serie di testimonianze inedite, ricostruisce l’evoluzione interiore della principessa, in cui giocarono un ruolo fondamentale alcuni grandi incontri. Il prologo fu quello con Giovanni Paolo II nel 1985, di cui disse agli amici «è
stato il momento più sacro della mia vita, finora»; poi irruppe Madre Teresa. L’amicizia con la Santa di Calcutta la toccò nell’intimo.
E la spinse a un’altra visione della vita, che la portò a mettere del tutto al servizio dei deboli e degli ultimi la sua enorme ribalta mediatica. Proprio per questo e non per i suoi scandali la “candela” della sua leggenda non si è mai spenta e Althorp è ancora meta di continui pellegrinaggi Leggi tutto…

Il segretario generale aggiunto alla “1ª Conferenza sulla libertà di stampa” a Bruxelles

Parisi (Fnsi): “No bavagli in Europa e nel mondo”

Carlo Parisi

BRUXELLES (Belgio) – “L’attivo impegno della Federazione Nazionale della Stampa Italiana al fianco delle federazioni internazionale (Ifj) ed europea (Efj) dei giornalisti e di quanti si battono in tutto il mondo contro ogni bavaglio o censura”, è stato ribadito dal segretario generale aggiunto della Fnsi, Carlo Parisi, intervenendo a Bruxelles, nell’aula “Altiero Spinelli” del Parlamento Europeo, in occasione della “1ª Conferenza sulla libertà di stampa e contro la censura in Turchia e in tutto il mondo”, organizzata dal Gruppo dell’Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici (S&D) presieduto da Gianni Pittella e dalle televisioni curde News Channel, Sterk TV e Ronahi Tv, in collaborazione con l’Istituto curdo della capitale belga. Esprimendo “tutta la solidarietà e la vicinanza della Fnsi ai colleghi ed al popolo curdo, perseguitati in quella prigione a cielo aperto che è diventata la Turchia e anche oltre, considerate le inaccettabili interferenze del governo turco sulla Francia per oscurare Med Nuce Tv”, Parisi ha, tra l’altro, condannato “le violenze e la repressione del regime di Erdogan nei confronti di quanti si battono per la libertà di stampa e di espressione e per l’affermazione della verità e della democrazia in uno Stato che, se aspira a far parte dell’Unione Leggi tutto…

Tre donne a Zoom24: “Cancellate quell’articolo”. Parisi (Fnsi): “Superato ogni limite”

Intimidazione alla giornalista Gabriella Passariello

Gabriella Passariello

VIBO VALENTIA – Episodio spiacevole che mette di nuovo nel mirino i giornalisti che svolgono il proprio dovere. Questa mattina, intorno alle 12.50, la redazione di Zoom24.it ha ricevuto una serie di telefonate da parte di due persone che si sono qualificate come la mamma di Saverio Giampà, raggiunto ieri da un provvedimento di fermo di iniziato di delitto emesso dalla Dda di Catanzaro, e Manuela Fiumara.
Entrambe chiedevano con insistenza la cancellazione dell’articolo “Filo Rosso, le relazioni extraconiugali e le ritorsioni all’interno della cosca”, a firma della giornalista Gabriella Passariello, che in quel momento svolgeva la sua attività di cronista di giudiziaria al Tribunale di Catanzaro. Al telefono ha risposto il tecnico di redazione, che non ha fornito alle due signore ulteriori dettagli sul contenuto dell’articolo invitandole a contattare i cronisti tramite il loro legale.
Intorno alle 15, però, fuori dalla redazione si sono presentate tre donne, dicendo di essere: la mamma di Saverio Giampà e Manuela Fiumara, mentre la terza, una giovane, non ha rivelato il proprio nome.
Prima hanno citofonato insistentemente, ma nessuno ha aperto loro; poi, approfittando dell’arrivo di una giornalista, sono riuscite ad entrare in redazione chiedendo di parlare con la cronista Gabriella Passariello affinché rimuovesse l’articolo “non gradito” dalla pagina del quotidiano on line. Non avendo ottenuto ciò che chiedevano, sono passate alle minacce: “Se non togliete l’articolo – ha intimato la donna presentatasi come mamma di Saverio Giampà – vi facciamo chiudere il giornale”, mentre la Fiumara apostrofava la Passariello con pesanti insulti.
A quel punto i giornalisti, preoccupati per la degenerazione del diverbio, Leggi tutto…

Il presidente di S&D assicura a Parisi un intervento sul presidente francese Macron

Pittella al fianco della Fnsi per Med Nuce Tv

Da sinistra: Sinan Seker, Antonio Ruggieri, Gianni Pittella, Carlo Parisi, Hikmet Aslan e Berivan Gzere a Bruxelles

BRUXELLES (Belgio) – Accogliendo l’appello della Fnsi, il Gruppo dell’Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici (S&D) del Parlamento Europeo denuncerà in aula il caso dell’emittente Med Nuce Tv, oscurata dall’operatore satellitare Eutelsat su pressione del regime turco di Erdogan, e chiederà ufficialmente al presidente francese Emmanuel Macron di intervenire contro l’ennesimo, inaccettabile, Leggi tutto…

Al Parlamento Ue col segretario generale aggiunto Carlo Parisi e Giuseppe Di Pietro

Fnsi a Bruxelles per la libertà di stampa in Turchia

Il Parlamento Europeo a Bruxelles

BRUXELLES (Belgio) – La libertà di stampa e la censura in Turchia e in tutto il mondo è il tema al centro della conferenza in programma a Bruxelles domani, giovedì 29 giugno, nella sala “Altiero Spinelli” del Parlamento europeo, alla quale la Federazione Nazionale Stampa Italiana, aderente alle federazioni internazionale (Ifj) ed europea (Efj) dei giornalisti, sarà presente con il segretario generale aggiunto Carlo Parisi Leggi tutto…

Diffamazione a mezzo stampa: è sempre spiacevole querelare un collega, ma...

Luciano Regolo fa condannare Piero Sansonetti

Luciano Regolo

Piero Sansonetti

COSENZA – Non capita tutti i giorni che due direttori di testate si fronteggino in tribunale, tanto più che i diretti interessati abbiano entrambi guidato lo stesso giornale, l’Ora della Calabria, il quotidiano calabrese chiuso dopo il cosiddetto “caso Gentile”. Si tratta di Luciano Regolo, sotto la cui direzione si consumò l’Oragate, e del suo predecessore Piero Sansonetti. Il primo ha querelato il secondo per diffamazione e quest’ultimo è stato riconosciuto colpevole dal Tribunale Ordinario di Cosenza.
La vicenda, però, non ha nulla a che vedere con la censura e le pressioni subite dal quotidiano calabrese e dai suoi giornalisti, per la quale è ancora pendente sempre davanti al tribunale cosentino il processo a carico di Umberto De Rose, accusato di tentata violenza privata, per aver impedito l’uscita del giornale simulando un guasto della rotativa, mai avvenuto, poiché Regolo si era rifiutato di togliere un articolo relativo all’apertura di un’inchiesta della magistratura sul figlio del senatore Gentile. Il dissidio tra Regolo e Sansonetti risale al luglio 2013, quando quest’ultimo, allora direttore della testata “Calabria Ora” (successivamente trasformata ne  “l’Ora della Calabria” Leggi tutto…

Un grave lutto ha colpito l’addetto stampa del Consiglio regionale della Calabria, consigliere regionale dell’Ordine

Morta la mamma del giornalista Filippo Diano

REGGIO CALABRIA – Un grave lutto ha colpito il giornalista Filippo Diano, redattore dell’Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Calabria e consigliere regionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria. È morta la mamma, Giuseppina Barreca.
I funerali sono stati celebrati oggi a Reggio Calabria, nella Chiesa del Sacro Cuore di Gesù e Maria del rione Catona.
A Filippo e alla sua famiglia, il commosso abbraccio Leggi tutto…

Lorusso, rientrato da Istanbul, rilancia l’appello con Giulietti, Parisi, Di Trapani, Noury

Turchia, la Fnsi: “Non spegniamo i riflettori”

Da sinistra: Vittorio Di Trapani, Riccardo Noury, Giuseppe Giulietti, Raffaele Lorusso e Carlo Parisi

ROMA – Appena rientrato da Istanbul, dove ieri ha partecipato, in rappresentanza della Ifj, la Federazione internazionale dei giornalisti, alla prima udienza del processo a carico dei giornalisti Ahmet e Mehmet Altan, il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, ha lanciato di nuovo l’appello in difesa dei colleghi e dei cittadini turchi.
«La libertà di stampa, ma anche le altre libertà civili, sono sempre più a rischio in Turchia. Per questo – ha affermato Lorusso nel corso della conferenza stampa convocata stamane nella sede della Fnsi – chiederemo un incontro al presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, Leggi tutto…