Anno IX numero
Agenda2018
Manifesto
Convenzioni
Contratti

Modulistica e Informazioni

Modulistica
Modulistica
Modulistica
Modulistica
Varie
Agenda2018

Avvocato e pubblicista ha fatto parte della Giunta Esecutiva Fnsi. Aveva 98 anni

Addio Mario Casalinuovo, ministro giornalista

Mario Casalinuovo

CATANZARO – È morto, all’età di 98 anni, Mario Casalinuovo, avvocato e giornalista pubblicista, che nella sua lunga militanza politica nel Partito Socialista Italiano, del quale è stato esponente di spicco a livello nazionale, ha ricoperto tra l’altro l’incarico di ministro e primo presidente del Consiglio regionale della Calabria. Nato a Catanzaro il 18 maggio 1922, era giornalista pubblicista iscritto all’Ordine ed al Sindacato Giornalisti della Calabria dal 12 gennaio 1954. Per tanti anni ha diretto il periodico “Calabria Giudiziaria”, fondato nel 1919 dal padre Giuseppe Casalinuovo, ed è stato collaboratore di riviste giuridiche, quotidiani e periodici. Ha fatto parte anche della Giunta Esecutiva della Fnsi.
Appartenente a una famiglia di altri illustri penalisti, negli della seconda guerra mondiale aveva anche vissuto la drammatica esperienza della prigionia in un campo di concentramento in Germania.
Iscrittosi al Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria subito dopo il ritorno dalla prigionia in terra tedesca (1945), aderì alla scissione di Palazzo Barberini (1947), militò dapprima nel Psdi e, nel 1959 confluì con il Muis (movimento unitario di iniziativa socialista) nel Partito Socialista Italiano che aveva deliberato la sua politica autonomista nel Congresso di Venezia, dopo i fatti di Polonia e Ungheria. Fu quindi Segretario della federazione di Catanzaro del Psi, componente del Comitato Regionale, del Comitato centrale e dell’Assemblea Nazionale del Partito Socialista Italiano sino allo scioglimento del Partito nel 1994.
Dal 1974 al 1979 fece parte della Commissione ministeriale Leggi tutto…

Dopo quattro anni il Tribunale di Cosenza ha finalmente detto stop alla telenovela

L’Ora della Calabria: fallito il Gruppo C&C

Alfredo Citrigno

COSENZA – Dopo quattro anni di inattività, il Tribunale di Cosenza ha emesso la sentenza dichiarativa di fallimento del Gruppo editoriale C&C, la società guidata da Alfredo Citrigno che editava il quotidiano L’Ora della Calabria.
L’udienza per lo stato passivo è stata fissata al 27 novembre 2018. In quella data il giudice Giusi Ianni Leggi tutto…

Elette le cariche interne del Circolo della Stampa, si pensa a rilanciare le attività

Pollino Sibaritide: Mario Alvaro presidente

Mario Alvaro, nuovo presidente del Circolo della Stampa Pollino Sibaritide

CASSANO ALLO IONIO (Cosenza) – È Mario Alvaro il nuovo presidente del Circolo della Stampa “Pollino-Sibaritide”. Eletto per acclamazione dal Consiglio direttivo “sia per il numero di preferenze riportate nell’ultima consultazione elettorale, sia per la stima e la lunga militanza attiva”, Mario Alvaro, di Castrovillari, è tra i soci fondatori del Circolo. Dopo aver ringraziato quanti, finora, hanno retto le sorti Leggi tutto…

Akrea (spa del Comune di Crotone) indice una selezione che suscita molti dubbi

Cercasi giornalista a 32mila e 400 euro l’anno

CROTONE – Avviso pubblico dell’Azienda Krotonese per l’Energia e l’Ambiente, Akrea spa, per l’affidamento dell’incarico di “Supporto per l’attività di comunicazione e informazione all’utenza nell’ambito delle procedureinnovative per la raccolta differenziata nel Comune di Crotone”.
Per l’individuazione del giornalista, Akrea spa, società per azioni della quale il Comune di Crotone Leggi tutto…

La Bbc scuote il Brasile grazie al libro del giornalista su Libero Giancarlo Castiglia

Sprovieri apre una luce sul “Che” dimenticato

La copertina del libro di Alfredo Sprovieri (a destra) e Libero Giancarlo Castiglia (nel riquadro)

ROMA – È grazie ad un giornalista calabrese che in Brasile si torna a parlare della scomparsa di Libero Giancarlo Castiglia e di chi, come lui, fra gli anni Cinquanta e Settanta, si opponeva al regime della dittatura militare.
Il libro di Alfredo Sprovieri “Joca, il Che dimenticato”, edito da Mimesis con l’introduzione scritta Leggi tutto…

Dal 3 luglio un esperimento trimestrale in Calabria, Campania e Basilicata

Qn in tandem con il Quotidiano del Sud

ROMA – Esperimento trimestrale del Quotidiano Nazionale (diffusione media Ads aprile 206.619 copie) che, da martedì 3 luglio, in Calabria, Basilicata e Campania, sarà distribuito in tandem con il Quotidiano del Sud (diffusione media Ads aprile 5.162 copie) Leggi tutto…

Curato da Francesco Sapia, sarà presentato sabato 30 giugno a Rossano (Cosenza)

Il Dizionario dei giornalisti rossanesi

Francesco Sapia

ROSSANO (Cosenza) – È curato da Francesco Sapia il Dizionario dei giornalisti rossanesi, edito dall’Eco dello Jonio, che sarà presentato sabato prossimo, 30 giugno, alle ore 18, nella sala rossa di palazzo San Bernardino, a Rossano (Cosenza). Il volume messo a punto dal giornalista, rossanese ovviamente, contiene 71 schede biografiche di giornalisti rossanesi per nascita o d’adozione, dalla fine del 1800 ai giorni nostri.
Alla presentazione interverranno, oltre all’autore, la redattrice Erminia Madeo, il giornalista Cosimo Bruno e lo storico Salvatore Bugliaro.
Il Dizionario racconta la vicenda lavorativa e professionale, di tanti giornalisti, professionisti o pubblicisti, iscritti all’albo, nati a Rossano o che abbiano lavorato a Rossano per almeno un quinquennio. In particolare, l’opera curata da Sapia intende “sottolineare l’importanza del ruolo dei giornalisti nello sviluppo della città di Rossano, la loro costante ricerca della verità, la loro azione di critica, di stimolo e di pungolo per il progresso della comunità”.
Non solo, perché “il libro – spiegato Francesco Sapia – racconta di riflesso, come il mondo del giornalismo e della comunicazione siano cambiati negli ultimi anni. Come si siano diffusi rapidamente il blog, i siti di informazione, le agenzie di stampa e le nuove figure professionali quali i gestori di social media, dei siti internet, etc”.
“Ovviamente resta fermo lo scopo principale del libro – incalza il giornalista – tenere alto il vessillo della memoria e ricordare alle nuove generazioni il contributo che hanno dato i giornalisti nelle principali vicende del territorio e dell’intero paese”. (giornalistitalia.it)

Fabio Buonofiglio “ha rispettato la verità storica e la correttezza giuridica della notizi

Giornalista assolto: non diffamò il maresciallo

Il giornalista Fabio Buonofiglio e due numeri del giornale dedicati al caso

CATANZARO – Assolto perché il fatto non costituisce reato. Il giornalista calabrese Fabio Buonofiglio non diffamò il maresciallo dei carabinieri Roberto D’Amico negli articoli pubblicati da AltrePagine, giornale quindicinale da lui diretto, nel luglio 2011. A stabilirlo sono stati i giudici della prima sezione penale della Corte d’appello di Catanzaro (presieduta da Giancarlo Bianchi con Antonio Saraco e Francesca Garofalo), Leggi tutto…

La somma dichiarata dal liquidatore probabilmente non basta per evitare il fallimento

L’Ora della Calabria: spuntano 223mila euro

Giuseppe Bilotta, liquidatore del Gruppo Editoriale G&C

COSENZA – La tormentata vicenda legata alla chiusura del quotidiano L’Ora della Calabria potrebbe avviarsi alla conclusione. Nell’udienza fallimentare che si è tenuta, questa mattina, al Tribunale di Cosenza, il liquidatore del Gruppo editoriale C&C (la società guidata da Alfredo Citrigno che editava il giornale fino alla sua chiusura), Giuseppe Bilotta, ha consegnato, al giudice Ianni, il bilancio 2017 Leggi tutto…

Fronte comune contro i pirati e con chi ha veramente a cuore l’informazione di qualità

Fnsi al fianco dei Cdr a difesa della professione

Da sinistra: Carlo Parisi (segretario generale aggiunto), Raffaele Lorusso (segretario generale), Giancarlo Tartaglia (direttore) e Tommaso Daquanno (vice direttore) alla Conferenza nazionale dei Cdr e dei Fiduciari nella sala “Walter Tobagi” della Fnsi

ROMA – “La riunione di oggi non nasce come reazione emotiva, ma per dare un segnale forte ad un modo sbagliato di intendere le ristrutturazioni aziendali. Un processo di tagli indiscriminati che va avanti da dieci anni e che ha portato alla perdita di circa tremila posti di lavoro”. Con queste parole, il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, ha aperto la Conferenza nazionale dei Comitati e dei Fiduciari di Redazione, che si è tenuta oggi, nella sala “Walter Tobagi” di Corso Vittorio Emanuele II, a cinque giorni dal suicidio Leggi tutto…

Per la prima volta dopo 30 anni sarà orfano del fondatore e presidente Cosimo Bruno

Circolo del Pollino Sibaritide: il nuovo Direttivo

Da sinistra: Giuseppe Savoia, Francesco Cangemi, Erminia Zuccaro, Mario Alvaro, Giuseppe Soluri, Pino La Rocca, Benigno Le Pera e Giampiero Brunetti

LAGHI DI SIBARI (Cosenza) – Il Circolo della Stampa Pollino-Sibaritide ha eletto il suo nuovo Consiglio Direttivo che, per la prima volta dopo 30 anni, sarà orfano del suo fondatore Cosimo Bruno (per 22 anni consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti) dimessosi nei mesi scorsi dopo averlo presieduto ininterrottamente dal giorno della sua costituzione, avvenuta Leggi tutto…

A Nicoletta Giorgetti, Enrico Bellavia, Caruana Galizia, Onorati e Petretti

Premio Lucio Colletti: vince l’informazione

Fauzia Gavioli Colletti consegna il Premio Lucio Colletti a Nicoletta Giorgetti (foto Giornalisti Italia)

ROMA – «Un Premio che è e vuole continuare ad essere un inno alla libertà, al coraggio e al rigore morale, nel segno di Lucio Colletti, che fu, sopra ogni cosa, un uomo libero».
Così il professor Carlo Monaco, a lungo docente di Storia e Filosofia all’Università Alma Mater di Bologna e all’Università Carlo Bo di Urbino, ha aperto la cerimonia di consegna del Premio Lucio Colletti, promosso dal Centro Studi che ne porta il nome, custodendone la memoria, in un’incantevole Sala Pietro da Cortona, in Campidoglio, che da sola è valsa il viaggio per ospiti e premiati.
Tra un Guercino, un Caravaggio e un Tintoretto, Fauzia Gavioli, vedova Colletti, ha, infatti, consegnato ai vincitori dell’edizione 2018 del Premio – al tavolo dei relatori anche il filosofo Luciano Albanese, che a Colletti ha dedicato diversi studi – la bella targa in velluto rosso e un’opera pittorica che ciascuno ha avuto, non a caso, la libertà di scegliere tra quelle appositamente realizzate da Giulia Colletti, figlia del raffinato intellettuale, filosofo e politico, e da Blu Renzini.
Protagonista il mondo dell’informazione, quest’anno, al Premio Colletti – «Non mollo, voglio continuare a premiare uomini e donne meritevoli nel nome di Lucio, che era un uomo straordinario», ha scandito con la sua “selvaggia” fierezza la signora Fauzia, – che ha voluto omaggiare «il coraggio di un cronista che ha dedicato alla mafia molte pagine, su la Repubblica e in numerosi libri, Enrico Bellavia, oggi a Roma dopo aver lasciato la sua Palermo», e «la felice intuizione di Nicoletta Giorgetti, che, dopo aver lavorato per anni nella carta stampata, al Resto del Carlino, ha scelto la nuova tecnologia, internet, per realizzare “il giornale dei giornalisti”, Giornalisti Italia, di cui è coordinatrice».
«Intuendo, appunto, – ha sottolineato il professor Monaco – che anche i giornalisti, che per loro stessa natura informano, debbano essere a loro volta informati: l’obiettivo è, giustamente, quello di ampliare il dialogo interno e fare rete in una Leggi tutto…

Assieme ad Amato, Barone, Carruet, Della Valle, Riccardi, Mazzucca e Guarnieri

Premio Roma ad Angela, Mieli e Nicola Gratteri

l procuratore Nicola Gratteri alla Festa nazionale del lavoro organizzata dalla Fnsi a Reggio Calabria il 1° maggio scorso (Foto Marco Costantino/Giornalisti Italia)

ROMA – Saranno uomini della cultura, dello spettacolo, delle istituzioni e della letteratura a ricevere, questa sera, nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università La Sapienza di Roma, i riconoscimenti dell’edizione 2018 Leggi tutto…

I cittadini di San Procopio chiudono il capitolo con l’ex editore di Reggio TV

Lamberti Castronuovo bocciato dalle urne

Eduardo Lamberti Castronuovo

SAN PROCOPIO (Reggio Calabria) – Eduardo Lamberti Castronuovo, 68 anni, giornalista pubblicista, ex assessore alla legalità della Provincia di Reggio Calabria, fondatore ed editore dell’emittente televisiva Reggio TV, è stato bocciato dai cittadini di San Procopio che non lo hanno confermato sindaco del piccolo comune preaspromontano. Eletto sindaco il 28 ottobre 2012 con il 91,63% dei voti, ieri si è visto, Leggi tutto…

Carlo Parisi (Fnsi): “Dalla Cassazione storica sentenza per il praticantato giornalistico”

Rossana Caccavo, l’ultima condanna di Esperia Tv

Rossana Caccavo

ROMA – La Corte di Cassazione ha, finalmente, messo la parola fine al contenzioso giudiziario originato dall’illegittimo licenziamento, in tronco e “con effetto immediato”, della giornalista Rossana Caccavo, consigliere del Sindacato Giornalisti della Calabria, avvenuto con una comunicazione di dieci righe consegnatale a mano, il 15 aprile 2013, appena cinque giorni dopo la sua elezione a fiduciario Leggi tutto…